Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    Il foglio letterario. PROGRAMMA 23 Maggio – 11 Giugno (23/05/2023)    [27/02/2024] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Thrinakìa Premio internazionale di scritture autobiografiche, biografiche e poetiche, dedicate alla Sicilia scadenza 2024-02-28    Premio Letterario Teresa Cognetta 2023 scadenza 2024-03-02    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Come mio fratello di Uwe Timm     Sul margine di Maria Allo     Prove per atto unico di Maria Benedetta Cerro    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Ardengo Soffici e il Fascismo     Ezra Pound: una breve nota     La poesia patriottica nel Romanticismo italiano     L’immanenza dell’incarnazione nella poesia di Mario Luzi     La storia alimentare di Porto San Giorgio, tra folklore, letteratura e testimonianze Di Edoardo Mistretta    Racconti     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini     Il temporale di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey     La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
     

Inserito il 10 Settembre 2023

Mi rammento Piombino

di Gordiano Lupi & Riccardo Marchionni


Il Foglio Letterario Edizioni 2023
Prezzo 15 euro Pagine 230



Mi rammento Piombino

La struggente felicità della memoria
di Stefano Tamburini 

Questo non è semplicemente il secondo volume di una storia già cominciata e rimasta incompiuta. Qui non ci sono i racconti rimasti nel cassetto dopo la prima stesura di un volume di successo come “Amarcord Piombino” con la prosa poetica di Gordiano Lupi e le immagini romantiche di Riccardo Marchionni. Questo secondo volume in realtà è un tutt’uno con il primo e, personale impressione, potrebbe essere anche il preludio a un terzo appuntamento in libreria. Quello che stanno facendo Gordiano Lupi e Riccardo Marchionni è molto più che un semplice rovistare nel cassetto dei ricordi. Questo libro e il precedente non fanno altro che mettere ordine nella memoria collettiva. Grazie a questi ricordi gli autori riescono a riempire il cuore di una struggente felicità. Non c’è nostalgia, non c’è rimpianto, qui si tratta di ricostruire un cammino tortuoso e controversosenza avere la pretesa di dare un giudizio, anche se il confronto di fatto lo è. Perché è inevitabile far emergere errori e storture in un cammino che non ha certo migliorato la prospettiva di una comunità che ha visto passo dopo passo peggiorare la propria condizione.

E, va precisato subito, questo e il precedente non sono solamente libri di storia locale e non sono neanche scritti per chi ha vissuto in prima persona i ricordi o ne ha ascoltati di molto simili da nonne, nonni, madri e padri, fratelli e cugini più grandi. Una piazza del tempo perduto, come Gordiano Lupi definisce quella intitolata a Giovanni Bovio e meravigliosamente affacciata sul mare, c’è in ogni paese o cittadina, al di là della bellezza che esprime. L’epopea di radio e televisioni private è stata vissuta qui come altrove, cambiano i personaggi ma il profumo di quei ricordi può essere trasferito ovunque.

In questo secondo volume ci sono molti più personaggi, volti noti e meno noti, rispetto al primo. Ma lo spirito del racconto è proiettato anche in questo caso al recupero del significato dell’identità e dell’orgoglio dell’appartenenza. Che non è quella becera delle felpe e del “siamo meglio noi”. No, non c’è questa pretesa. C’è semmai quella di valorizzare esperienze che prese a sé stanti non hanno la stessa forza del contesto. C’è anche un indiretto confronto fra un personaggio del passato, una parrucchiera di un quartiere di periferia, con una giovane impegnata nelle sfilate di moda e nello studio universitario con un sogno nel cassetto, quello di lavorare nel campo dei diritti umani alle Nazioni Unite. Quelle due donne sono nonna e nipote e rappresentano la testimonianza di un passaggio generazionale, un ponte fra passato e futuro che questo libro cerca di mettere in campoper stimolare una riflessione più ampia.

Ci sono i ricordi dei cinema, della stazione ferroviaria finita a rappresentare un rudere dove le macerie sono le biglietterie abbandonate e con le tapparelle abbassate in attesa di una riapertura che non ci sarà mai più, il bar e l’edicola chiusi con le tracce di un tempo trascorso e impresso in muri decrepiti. Il deserto di pochi treni in partenza, nessun ferroviere e gli annunci automatici che neanche somigliano a quelli degli altoparlanti gracchianti del tempo che fu.

In questo secondo volume c’è anche un’appendice poetica che ben si accosta al resto della narrazione che tende sempre un po’ alla lirica. E qui si ritrovano note dolci e amare, tutte quante intrise nell’amore per le radici, che va al di là dei giudizi su come siano andate le cose. Quello di Gordiano Lupi, grazie anche alle immagini di Riccardo Marchionni – rigorosamente in bianco e nero come era consuetudine nelle epoche raccontate – è uno sforzo ben riuscito di lasciare una testimonianza che altrimenti sarebbe andata perduta. E non solo perché allora non esisteva una wikipedia dei ricordi e non c’erano social dove immagazzinare alla rinfusa immagini che si sarebbero moltiplicate fino a diventare marmellata senza reale gusto. Queste sono testimonianze ragionate, confronto che diventa il ponte ideale per un domani fatto anche di consapevolezza sui punti di partenza, sui capisaldi di una storia che è orgoglio e appartenenza. È l’opera di due sommelier che degustano e scelgono per i lettori parole che sono come immagini e fotografie che parlano. 

Alla fine della lettura resta l’impressione di un futuro che è già passato senza avere avuto il tempo di accorgersene. E di un passato che è ancora presente, per chi l’ha visto e per chi non c’era. Cose che restano dentro e che Lupi e Marchionni ci trasmettono. Da cuore a cuore, dai loro occhi a quelli di chi legge e di chi guarda le foto.

Lupi chiude la sua narrazione confessando che gli manca tutto, anche quello che non c’è stato. È l’unico cedimento a una nostalgia che è più per la gioventù e per un’epoca in cui nascono le speranze. Non so se l’intento era quello ma le speranze che erano di Gordiano e di tanti che allora si affacciavano all’adolescenza, alla fine della lettura in gran parte diventano di chi sfoglia queste pagine.

Restano soprattutto le radici di questo grande albero chiamato comunità che vede cambiare le foglie ma resta sempre lì, magari più storto e malmesso. Ma è da quel tronco che nasce sempre tutto. Dai ricordi che non sono solo ricordi. Puoi anche non pensarci, a ciò che è stato, ma prima o poi torna. E in queste pagine non può esserci tutto ma c’è tanto, tantissimo. C’è soprattutto sentimento, c’è soprattutto il rispetto che non è indulgenza, assoluzione postuma o rimpianto. È  una sinfonia di emozioni.

Alcuni titoli dei capitoli: Tanta bellezza non la catturerai, Mulattiera di mare, Il parco degli eucalipti, La piazza del tempo perduto, Penna Bianca, Giovanna la parrucchiera del Poggetto, Radio private televisioni e ricordi, Rete Toscana Sud dieci anni di televisione a Piombino, Storia sentimentale del mio calcio al Magona, Piombino amore mio!, Aldo Agroppi, Lido Vieri, Nedo Sonetti, Aulo Giuliani, Enzo Badiani, Gino Ieri, Roberto Biagini, Alfredo Pierozzi, Altoforno perduto, Edo Topi, Ennio Della Schiava, Enzo Riccomini, Diletta Venturi, Esperienze Incontri, Il fico del Rivellino, Il pianto della scavatrice, Quando al Magona cantavano gli Inti Illimani, Enrico Salvadori una vita da Robinson, I nostri vecchi cinema, Le risse in via Gaeta, La Chiesa di via Lucca, Il forno del Pepi, Circolino e ricordi, Gianfranco Autunnali, Un umorista di nome Marino, Sinfonia di settembre, Sotto il cimitero, Treni e ricordi, Tramonto in piazza Bovio, Vecchia stazione, Pasquale Mannucci e il Castello di via del Popolo, Viale Amendola Sotto Frati e il Canaletto, Il viale delle tamerici e degli oleandri, Liceo Carducci che mi guardi da lontano, Vecchio liceo, A Piombino leggendo Pessoa, La strada del mio Natale, Primavera di mare, Nostalgia ungherese, La morte di un padre, Immaginate, Litania su Piombino ...


Email: ilfoglio@infol.it

 



Importante! I bandi e/o comunicati stampa qui riportati sono pubblicati sul sito di Progetto Babele gratuitamente ed a puro titolo di cortesia, nell'ottica di fornire un servizio culturale gratuito agli utenti del sito. Gli organizzatori dei vari concorsi/eventi/corsi etc. sono e restano gli unici responsabili della veridicità di quanto dichiarato, similmente è a loro che deve essere indirizzata qualsiasi richiesta di informazioni e/o chiarimento.

 


-

VISITE: 261


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali