Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [16/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

CRONISTORIA DI UN ROMANZO
Note dell'autore sulla genesi di "Trepadri"


Cronistoria di un romanzo

Prima di chiedermi quale fosse il mio pubblico potenziale, avevo già iniziato da un pezzo a progettare l'opera e a scrivere. Dunque non mi sono mai posto il problema di raggiungere una grande quantità di lettori - sebbene, confesso che non mi dispiacerebbe - ma ho sperato (forse ambiziosamente) che la mia operazione letteraria potesse rappresentare qualcosa di originale, o quantomeno un lavoro di qualità, dignitoso e sincero.
E' stato poi parlando con un amico che mi è venuto da pensare ai potenziali lettori. E tenendo conto del linguaggio sostanzialmente semplice e scorrevole ma diversificato, di alcuni riferimenti "dotti", della struttura un po' fuori dagli schemi, ho creduto che questo fosse un libro destinato a persone con una cultura almeno nella media, di ogni età, con una strizzatina d'occhio, forse agli studenti universitari o ai neolaureati, poiché alcuni personaggi principali appartengono a questa fascia di età e hanno una cultura universitaria.

Ho iniziato a scrivere TrePadri nel 1994, dopo aver letto "Lezioni americane" di Italo Calvino e "Sei passeggiate nei boschi narrativi" di Umberto Eco. Le riflessioni alla base della struttura dell'opera, si sono consolidate attraverso queste letture, e in particolare, facendo tesoro degli ultimi capitoli dei saggi in questione: "Molteplicità" ("Lezioni americane") e "Protocolli fittizi" ("Sei passeggiate…"). Se è vero che la struttura è stata progettata a tavolino, lo stile e soprattutto il contenuto sono il frutto di spontanea ispirazione, a tal punto che in seguito l'architettura della narrazione è variata più volte per inseguire ed amalgamarsi con le vicende ed i personaggi che cominciavano a vivere di vita propria.

Come sapete, il mercato editoriale non è generoso con gli esordienti e la pubblicazione è arrivata casualmente, quando ormai non ci credevo più e dopo che l'opera era stata ultimata da più di tre anni. In realtà non mi sono dedicato a tempo pieno a scrivere, anche perché non avrei potuto, e dal '95 al '98 ho sottoposto l'opera a successive revisioni, dovute anche al contatto che ho avuto con lo scrittore Stefano Benni ed "Ossigeno", la casa editrice (o collana della Feltrinelli?) che dirigeva all'epoca. In una cortese lettera, tra l'altro, mi scrisse: "tu hai una buona varietà lessicale, padronanza delle intonazioni e sfolgorante fantasia". Tuttavia per ragioni di tenuta narrativa, ritmo, lunghezza, ecc., l'opera non risultava pubblicabile. Quindi ho revisionato più volte il lavoro, ma senza accontentare i lettori di "Ossigeno" che, a dir la verità, erano leggermente più spartani di Benni nello scrivermi le loro risposte. Sicché ad un certo punto, esausto, ho deciso di rinunciare e di percorrere altri sentieri.

Fra le svariate traversie che un esordiente incontra nel tentativo di rendere visibile il suo lavoro, ho un ricordo piuttosto deprimente della partecipazione ad un premio letterario con sede a Torino, che dovrebbe essere uno dei più prestigiosi a livello nazionale, tra i concorsi destinati agli autori inediti. Ricordo questo episodio più per riderci sopra che per spirito polemico. Partecipai all'edizione del 1999, pagando £. 50.000 per le spese di segreteria. Fui subito escluso e chiesi, quindi, di poter leggere il giudizio che avevano attribuito a "TrePadri". Dopo numerose richieste, anche telefoniche, finalmente mi è arrivata una busta completamente anonima, ma il timbro postale "Torino 11.06.99", mi aveva offerto un esplicito indizio. La busta conteneva un foglio, senza intestazione, senza data, senza un nome, senza firma… solo quattro righe sbilenche stampate al computer:
"Un ambizioso romanzo diviso in due parti: da un lato l'autobiografia di un giovane consulente industriale che perde il lavoro e decide di trascorrere le sue giornate nella sala di una biblioteca studiando e osservando gli altri frequentatori; dall'altro, parallelamente, scorre un romanzo storico d'ambientazione medievale-conventuale. Le due parti risultano troppo slegate e ridondanti."
O il redattore del premio ha avuto le traveggole, oppure ha effettuato una lettura quantomeno superficiale ed estremamente frammentaria. Andrea, il presunto "giovane consulente industriale" (in realtà non lo è) di cui avrebbero letto una fantomatica autobiografia, non ha assolutamente l'intenzione di osservare gli altri frequentatori della biblioteca per passatempo. E che vi sia anche "un romanzo storico di ambientazione medievale-conventuale", è tutto ancora da dimostrare…
Vorrei concludere con qualche nota positiva. Esistono, per fortuna, persone oneste e competenti nel mondo della letteratura. Oltre a voi di "Progetto Babele", che ringrazio per la gentile ospitalità, vorrei ricordare e ringraziare almeno due personaggi da cui ho ricevuto di recente, parole incoraggianti e spassionate. Mi riferisco al prof. Francesco Gnerre autore, tra l'altro de "L'eroe negato" (Baldini & Castoldi), e al prof. Francesco Muzzioli che insegna Teoria della Letteratura alla "Sapienza" di Roma.
"Dulcis in fundo", allego una parte della e-mail che mi ha scritto il prof. Muzzioli:
"La struttura a scatole cinesi o a cornici concentriche è utilizzata con consapevolezza e disinvoltura ironica. Certo, poi, dentro ci si potrebbero leggere i contenuti: psicoanalitici (la questione della "paternità" che fugge), antropologici (il mito come materia-base di qualsiasi racconto), sociologici (lo sfondo della disoccupazione giovanile), endoletterari (la biblioteca come spazio chiuso della ri-scrittura), ecc. Ma mi pare che il fulcro della sua operazione risieda comunque nella tecnica della "svolta": ogni capitolo riparte da capo, ripresenta la finzione (il mito) in un contesto rinnovato, lo ri-rappresenta da un diverso punto di vista (come dire: ogni volta estraniato). Si ha così un meccanismo di forte ripetizione (la leggenda che insiste fino a tradursi in storia e vita reale) e nello stesso tempo di forte variazione (tanto che alla fine lo stesso narratore viene sostituito). Non so quanto il tutto sia - alle somme - "sgangherato" (ci vedo, forse di più, un certo razionalismo "calviniano"), ma certamente è stimolante per l'agilità mentale del lettore, con impedimento di facili immedesimazioni. Mi fa piacere scoprire che è rimasto un certo "spirito costruttivo" nel campo della narrativa, ormai preda di sensazionalismi e patetismi (o solo di "televisionismi"?)".


Enrico Meloni
trepadri@yahoo.it

TRE PADRI
di Enrico Meloni

ISBN 88-87452-29-6
Di Salvo Editore
Prezzo € 9,25


TrePadri si può ordinare presso le migliori librerie
Oppure su internet:

www.disalvoeditore.it
www.unilibro.it
www.netbook.it

 


VISITE: 4975

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali