Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [07/12/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Castle Rock
a cura di Miriam Ballerini


Articoli riguardanti Stephen King ne sono stati scritti molti.
Non penso di dire nulla di nuovo, affermando che è uno scrittore eclettico perché, al di là dei suoi romanzi horror, ha dimostrato di sapere spaziare in generi diversi: dal fantasy a storie più impegnate, come ad esempio nel Il miglio verde.
Personalmente lo seguo da tanti anni, finora è stato solo uno dei suoi libri ad avermi delusa, cioè Unico indizio la luna piena. Tutti gli altri romanzi mi hanno sempre affascinata, per il suo modo di scrivere che si adatta a ogni età; per la sua ampia descrizione che non annoia mai. Anche nei libri di un certo spessore, nel senso più fisico del termine, si giunge alla fine quasi con dispiacere. Per esempio It con le sue 1238 pagine, o L'ombra dello scorpione, con 929 pagine. Dalla fantasia notevole di King è nata un'intera cittadina: Castle Rock, la quale compare per la prima volta nel libro La zona morta, edito negli Usa nel 1979, giunto in Italia nel 1981. La si ritrova in Cujo (1983), per poi seguirla nella sua decaduta in Cose preziose (1991).
Cos'ha di particolare questo luogo? King ha saputo creare un'intera società, coi suoi vizi e virtù, dove i personaggi sanno essere reali; forti della loro esistenza proprio perché riproposti in libri diversi. Come se, effettivamente, la loro vita procedesse anche al di fuori delle pagine del libro. King, inoltre, sa trascinarti nei suoi libri, col coraggio che ha di raccontare la normalità delle persone, narrandole per quel che sono. Leggendo alcune sue interviste, ci si rende conto che, scrivendo, è poco quel che inventa; basta, infatti, essere un buon osservatore perché, una scena vista, diventi una storia scritta.
Vi sembrerà strana, ora, questa mia affermazione, perché, pur scrivendo io libri di narrativa, prediligo per le mie letture il genere horror, o comunque King, il quale è un genere tutto particolare! Parlando di questo scrittore affermo sempre che se lo si conosce solo per le sue storie del brivido, non lo si conosce affatto. Ho imparato a migliorarmi nello scrivere seguendo i suoi passi, i suoi consigli che trapelano qua e là, nelle note dell'autore che spesso accompagnano i suoi romanzi, dove il contatto scrittore-lettore è molto forte.
Di certo devo ancora compierne molta di strada, soprattutto perché non riuscirò mai nella sua dote di sapere spaziare negli eventi, allargandoli a pagine e pagine di descrizioni. Il mio elastico, dopo averlo teso, trova sempre il proprio punto di rottura. King, sa andare oltremisura. Inoltre è quasi impossibile che uno scrittore sappia inventarsi un altro luogo come Castle Rock, dove si riesca a viaggiare nelle sue strade, a entrare nei suoi negozi. Anche a comprare qualche souvenir da portare a casa. In questo è stato unico, solo, a creare quella porta nel muro, a dare una chiave a ogni suo lettore per vivere alcune ore con gli abitanti che si finisce col conoscere così bene.
Termino, lasciandovi all'incipit del libro Cose preziose:
"Sei già stato qui.
Sì che ci sei stato. Sicuro. Io non dimentico mai una faccia.
Vieni, vieni, qua la mano! Ti dirò, guarda, ti ho riconosciuto da come camminavi prima ancora di vederti bene in faccia. Non avresti potuto scegliere un giorno migliore per tornare a Castle Rock".
Direi che ha ragione: è sempre bello ritornarci.

(c) Miriam Ballerini



 

VISITE: 4195


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali