Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [14/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Intervista a:
MASSIMILIANO MARTINES


Nell’anima di un artista.
Mi ha sempre incuriosito la gente di fronte allo specchio, è così buffa… I bambini, ad esempio, si travestono da adulti mentre gli adolescenti misurano i propri cambiamenti. Alcuni scappano, altri si adorano. Ma tutti, almeno per un istante, si guardano dentro. Fissano la loro immagine e vanno al di là di essa, aprono un varco nella loro anima.
E questo è quello che fa un artista, sempre, ed è questo il viaggio che intraprendiamo oggi con Massimiliano Martines.

Chi è...
Massimiliano Martines


Nasce a Galatina il 14 aprile 1974. Vive e lavora a Bologna. Ha pubblicato le raccolte di poesia "Della sete dell'anello" (Piero Manni ed., 2000) e "Ho scritto ti amo sullo specchio" (ed. Pendragon, 2006), è in uscita la raccolta di testi teatrali "Anime infernali" (ed. Giraldi). Ha ricevuto alcuni premi e segnalazioni per poesia, narrativa e teatro. Ha partecipato in veste di attore agli spettacoli "Fuoco centrale" del Teatro Valdoca, "Tempesta" e "Iliade" del Teatrino Clandestino. È del 2000 Un Pinocchio spericolato, a firma di deicalciteatro, compagnia da lui fondata, già vincitrice per la sezione teatro, del premio del Comune di Bologna Iceberg ’98, con lo spettacolo "Sul fondo". Nel 2001 fonda la compagnia dry_art di cui è attore, regista e drammaturgo negli spettacoli: "Rum Ofelia", "Abbandonàti", "Anima nera", "Les enfants terribles" e il recentissimo "Era male", adattamento di "Une saison en enfer" di Arthur Rimbaud. È anche autore di video: "Sangue cattivo" è il suo ultimo lavoro. Attualmente, oltre a gestire locali di intrattenimento e ristorazione, si occupa di eventi culturali e sta lavorando alla realizzazione di un cd.

Cosa lega e cosa divide Massimiliano Martines attore da Massimiliano Martines scrittore?
Le cose che accomunano l'attore e il poeta sono tante: l'urgenza del dire, i silenzi, il narcisismo, la forza di volontà, l'ironia, la sensualità, la violenza, .. potrei continuare ancora .. penso sia sufficiente vedermi dal vivo per rendersi conto delle aderenze. Mi sembra più interessante, invece, passare in rassegna le cose che dividono le due anime. Paradossalmente mi sento più vivo nella scrittura poetica che nel fare teatro. La poesia vive di cose reali, vere, te la puoi portare ovunque, ti sorprende frequentemente, si lascia scrivere anche nel bel mezzo di una discoteca tra suoni infernali (molti componimenti del mio recente libro sono nati così!). Ovunque poesia! Il teatro ha bisogno di concentrazione, di luoghi asfittici, cupi, e parlo di luoghi sia fisici che mentali (almeno questo è il teatro che io ho avuto modo di frequentare e di fare, il futuro è tutto in divenire ..). Il teatro è borghese anche nelle forme più avanguardiste e sperimentali, è fatto da figli di papà, gente annoiata che simula spessori e si riempie la bocca di paroloni. La poesia è invece un dono, sfugge ad ogni paradigma sociale, gode di una maggiore orizzontalità, è una lingua che sgorga dal ventre, dalle zone più remote, è mia mamma quando piange al cesso, è mia mamma quando canta tra i fornelli.

La poesia oggi è destinata alla morte o alla rinascita? E per lei cosa rappresenta?
Non so rispondere a questa domanda, anche se mi piacerebbe (in maniera positiva, ovviamente!). Vedo che c'è una ripresa d'interesse per la poesia. Il problema è che rischia di diventare un fenomeno transitorio, non oserei dire una moda, anche se sono tentato dall'affermarlo. Diciamo che il Mondo è in un passaggio criticissimo, le coscienze sono smarrite, la Poesia ha la capacità di parlare per direttissima al cuore delle persone. il problema è sempre il solito: i potentati, le lobby che si nascondono anche in questo ambiente, apparentemente senza alcuna risorsa economica. Mi riferisco a gruppi che esercitano il sottile e volgare ricatto culturale dell'accademismo e del baronato universitario, o di quei gruppi che si mascherano con tutti gli -ismi possibili e immaginabili, le avanguardie del belletto .. Un altro serio ostacolo che si frappone a una reale affermazione della poesia è la mancanza assoluta di un'arte oratoria, da un lato, e dall'altro la presenza invadente di una retorica oratoria ora cotonata, ora invece in camuffa da naif: tutto ciò contribuisce a seppellire l’arte sotto spesse coltri di forfora e muffa. Per ciò che mi riguarda ho avuto la fortuna di aver studiato recitazione (fuori dalle scuolette, seguendo grandi maestri come Danio Manfredini e Fiorenza Menni per esempio), eppure il nervo non me l'ha insegnato nessuno. Se non avessi inciso sulla pelle le parole e l'esperienza, probabilmente sarei un insopportabile trombone, come tanti. Per me la poesia rappresenta una assoluta coincidenza tra la voce fisica e la voce del mio sentire. La poesia è militanza. Ogni volta che faccio un reading mi auguro di appassionare sempre più gente, di rendere esplicite chiavi di lettura e decodificazione delle metafore poetiche, del linguaggio, dei sentimenti, .. È una cosa che non faccio solo per me stesso e per il mio egocentrismo.

Il suo “Ho scritto ti amo sullo specchio” (Edizioni Pendragon € 11,00) ha, tra gli ingredienti, più latte, sale o limone?
Quest'ultimo libro forse ha più sale rispetto alla mia precedente prova. Non parlo solo di sapore, anche di quello ..! Mi riferisco al bruciore che il sale provoca su una ferita aperta, laddove la ferita è uno squarcio molto personale e il sale è un additivo che tocca corde di una sofferenza umana vasta, inquietante, allibente.

La scrittura per lei è come un’innamorata, una confidente o una psicologa?
Come un'innamorata cui darsi con tenerezza spiazzante e con inaudita ferocia, nel mezzo c'è il poetuncolo che si rassicura con le serenate d'amore e si fregia della propria sensibilità d'accatto tra campi in fiore e uccellini cinguettanti. Io vengo dal rock, dalla strada, la mia voce è scartavetrata e i miei amori sono tutti irrimediabilmente, maledettamente tormentati.

Hai detto di venire dal rock, dalla strada. Cosa ti hanno insegnato?
A cadere in piedi sempre e a saper riconoscere le persone vere, i fratelli, la gente che mi somiglia. A contrastare l'ipocrisia, la noia borghese, l'ingiustizia, l'arroganza, ..così come mi hanno insegnato, sia il rock che la strada, a fidarmi dell'altro, a guardarlo negli occhi e specchiarmici dentro.

Hai un libro da comodino? Uno di quelli che mai ci si stanca di leggere e nel quale, per ogni volta che si prende in mano, si trovano sempre cose nuove?
In realtà ne ho due: uno è Camere separate di Pier Vittorio Tondelli, l'altro è Une saison en enfer di Arthur Rimbaud. Rispecchiano due parti di me sempre pulsanti e vive: una romantica e tenera, l'altra rabbiosa e talvolta ingenua.

Scrivere, per te, significa leggersi dentro o leggere il mondo?
Senza dubbio scrivere è un ottimo mezzo per conoscere se stessi, io lo faccio continuamente, ma nello stesso tempo è lo strumento che consente di indagare il mondo e decifrarlo, proiettandovi sopra la propria visione fatta di desideri, posizionamenti, attitudini, .. Non si legge il mondo ma lo si filtra attraverso la propria esperienza che rimane unica, singolare, insopprimibile. Qui subentra una riflessione sulla verità e la relatività. Ognuno ha la propria verità, è fuori di dubbio!, ma attenzione che questo non sia un modo per relativizzare ogni cosa e azzerare il senso critico: è un rischio molto attuale e gli ambienti artistici tendono ad aggravarlo sottomettendo irrimediabilmente l'etica all'estetica. E' il gioco del Capitalismo più subdolo che vende modelli a go-go e che ingurgita avidamente tutto, senza alcun ritegno. Ci sono artisti meravigliosi che lavorano, per esempio, per Fabrica che è del Gruppo Benetton, i loro oggetti, pur essendo prodotti in serie (e questo potrebbe avere anche un suo senso), sono bellissimi, a volte veicolano anche un significato, purtroppo (come tutti i prodotti di Benetton) vengono fatti in Sri Lanka, in Cina, in Turchia, non si sa dietro quale sfruttamento del lavoro, magari anche minorile... Qui c'è una verità ineludibile davanti alla quale le ragioni personali non sono altro che alibi incredibili, non scusabili, non accettabili.

per gentile concessione di Elisabetta Bilei
e Massimiliano Martines

 

inserito 19/03/07
VISITE: 5410



Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali