Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [08/10/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Letterario Nazionale Streghe Vampiri & Co. scadenza 2022-10-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
9 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
7 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Progetto: "Carlo Levi e i Sassi di Matera"
I ragazzi dell'AIPD sulle orme dei Grandi

a cura di Katia Madio



. Matera Esercizi-gioco, esperienze tattili legate all'uso del colore, conoscenza delle tecniche e degli stili.il tutto per la prima volta e in via sperimentale destinato alla realizzazione del progetto di didattica museale rivolto ai ragazzi dell'Associazione Italiana Persone Down incentrato sulla figura di Carlo Levi, sui temi e i luoghi della sua pittura, per dare pari opportunità a questa fascia di pubblico. Nello spazio predisposto presso l'Associazione Italiana persone Down di Matera", denominato "laboratorio piccoli artisti" ( divenuti poi grandi artisti per un giorno) è stato sviluppato il Progetto*: "Carlo Levi e i Sassi di Matera" . Si è cercato di creare un ambiente altamente stimolante, gratificante e rassicurante perché, come afferma il De Bartelomeis, "il bambino, in questo caso il ragazzo, non è spontaneamente spontaneo; lo è invece condizionatamente, ossia in situazioni favorevoli in fatto di stimoli, di guida, di materiali e quando questo, riesca a determinare in lui una franca accettazione della via espressiva con i problemi di rappresentazione che essa comporta". Il progetto nasce dal desiderio di educare i ragazzi alla conoscenza del luogo in cui si vive, per meglio valorizzare gli elementi che lo caratterizzano e rispettarli.

La scelta dell'artista Carlo Levi, le cui opere sono presenti nella collezione permanente di Palazzo Lanfranchi a Matera, è stata motivata dal fatto che egli, grazie al suo rapporto sempre vivo con la nostra gente e la nostra terra è diventato il simbolo costitutivo dell'identità lucana. A questo piemontese venuto da lontano va, infatti, il merito di aver rivalutato la nostra terra dal paesaggio così "serio e grave" e di aver considerato i Sassi, come lui stesso affermava, "non di minore importanza delle cose più celebrate nel mondo e in Europa. e di aver sottolineato come "il problema Sassi doveva essere considerato fuori dell'ambiente degli interessi cittadini, e neanche provinciali e regionali ma un problema di carattere universale. Si tratta, sono sempre parole dell'artista, di difendere, tutelare un valore grandissimo e unico nella storia urbanistica, dell'architettura, della civiltà contadina, non solo, della civiltà del mondo". Effettuare esperienze attive di riproduzione delle sue opere, è stato sicuramente un modo creativo, ricreativo e ludico di accompagnare i ragazzi a piccoli passi verso la sua arte, perché se ne potessero avvicinare con curiosità per poi innamorarsene. Il progetto didattico è stato, inoltre, finalizzato alla divulgazione dell'arte contemporanea attraverso un approccio stimolante e formativo, studiato per avvicinare diverse fasce di pubblico (adulti, ragazzi e bambini diversamente abili) a questo periodo della storia dell'arte visto spesso con diffidenza.

Esso è stato caratterizzato da un approccio di tipo conoscitivo, che esprime la capacità di entrare nel mondo degli altri e la disponibilità ad un incontro con l'altro. La coesistenza all'interno del gruppo di ragazzi con abilità diverse è stato, infatti, arricchente e ha avviato, all'interno dei normali scambi interattivi, processi di scoperta, di conoscenza, di comprensione, di contrapposizione. Il ragazzo con diverse abilità è stato sempre al centro dell'interesse. L'integrazione è stata favorita con ogni mezzo, in modo da rispondere a, specifici bisogni relazionali e svilupparne e rafforzarne le capacità individuali. Sono stati utilizzati tutti i linguaggi verbali e non verbali. I ragazzi, infatti, sono stati aiutati ad esprimersi e a comunicare, attraverso nuovi linguaggi fatti di forme, linee e superfici; il tutto per sentirsi, almeno per un giorno "grandi artisti", scoprendo i meccanismi segreti che portano alla creazione di uno stile personale, provando a sentire le problematiche e tensioni del fare artistico. Solo così è stato possibile imparare a creare senza porre limiti alla fantasia, conducendo il ragazzo in un viaggio ideale alla scoperta del pianeta Arte. Il percorso didattico ha avuto una durata di circa due mesi: inizio marzo fine aprile e si è avvalso della collaborazione delle famiglie che con entusiasmo hanno contribuito alla realizzazione del progetto stesso.

Il tutto ha avuto inizio con la visita alla "Casa-grotta", antica abitazione tipicamente arredata con mobili e attrezzi d'epoca per meglio comprendere usi e costumi degli abitanti degli antichi rioni e per avere un'idea precisa di come era organizzata la vita familiare in molte case dei Sassi; per poi continuare con la conoscenza diretta delle opere di Carlo Levi esposte al Museo di Palazzo Lanfranchi e concludersi con gli elaborati, realizzati in modo del tutto personale dai ragazzi. Durante la serata-evento tenutasi il 20/04/2008 presso l'Auditorium di Matera sono stati presentati tutti gli elaborati realizzati dai piccoli artisti. Si è colta, infine l'occasione per consegnare gli attestati: "Tavolozza d'oro" ai giovani protagonisti della serata ed è seguito un dibattito tra i volontari delle Associazioni (Liberalia e AIPD) e i responsabili degli Enti pubblici: Michele Plati, Assessore ai Servizi Sociali; il responsabile del CSV; mirato a favorire la promozione e la diffusione della cultura, ad approfondire il dialogo e il confronto di strategie da utilizzare, nella consapevolezza che le generazioni future sono da considerare "CUSTODI DELL'IDENTITA' ETNICA" . A queste è affidato, infatti, il compito di tenere vive le proprie radici e le proprie tradizioni ancestrali che costituiscono il patrimonio dell'intera umanità.

A cura di Katya Madio

*Il Progetto è stato ideato e realizzato dalla dott.ssa Gaetana Caterina Madio, storica e critica d'arte nonché volontaria dell'Associazione Culturale Liberalia.


Liberalia Associazione Culturale di Volontariato Onlus, Piazza del Sedile, 29 - 75012 Matera; sito web: www.liberalia.it; Tel./Fax: 0835 090203; e-mail: associazione@liberalia.it AIPD sez. di Matera - Via Dante, 84/A - 75012 Matera; sito web: www.aipd.it Tel./Fax: 0835388480 e-mail: aipdmt@tiscali.it


Dal 27/09/2008
VISITE: 4304


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali