Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [14/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Intervista a:
TEA RANNO


“Cenere” di Tea Ranno libro dell'anno italiano

La scrittrice Tea Ranno, siciliana che vive a Roma, laureata in giurisprudenza, si aggiudica il premio Mangialibri 2007. Questo singolare premio organizzato da una delle più anticonformiste riviste italiane sul web, dedicato al mondo dei libri e dei fumetti, avviene su Second Life, il sito internet popolato da quasi dieci milioni di persone. David Frati, direttore di Mangialibri, ritiene che il premio sia diventato qualcosa di totalmente nuovo rispetto agli altri premi letterari perché ha spirito popolare e vuole coinvolgere i milioni di lettori che frequentano internet. “Cenere”, edito da E/O, è un romanzo di grande spessore, ambientato nel Seicento, nel periodo della Santa Inquisizione, già arrivato finalista al premio Italo Calvino 2005 e al premio Giuseppe Berto 2006, colpisce per la grande capacita dell'autrice di scavare nell'animo dei suoi personaggi, la minuziosità nel rilevarne le sfumature del carattere, il contrasto tra padroni e servi della gleba, e anche per il linguaggio potente, perfettamente in sintonia con l'epoca in cui è ambientato. Tea Ranno ha dalla sua la forza prorompente della scrittura, che non è preziosità estetica o barocchismo fine a se stesso ma elaborazione, identità stilistica, virtuosismo, il linguaggio proprio degli scrittori di razza. Personaggi, storia e ambientazione si armonizzano come note di un'orchestra il cui ritmo incalzante coinvolge il lettore e lo rende partecipe delle vicende drammaticamente umane contenute nel romanzo.

Ho incontrato Tea a Siracusa, in occasione della conferenza organizzata dalla “Emanuele Romeo Editore” dedicata alla scrittura al femminile: “Scrivere donna”, dove era ospite d'onore insieme a Silvana La Spina e a Giovanna Giordano. Quale occasione migliore per scambiare quattro chiacchiere.

Tea, pare che “Cenere” sia destinato a non passare mai inosservato dalle giurie che lo visionano, prima finalista al Calvino, poi al Giuseppe Berto e ora vincitore del Mangialibri. Gran bella soddisfazione, no?
Sì, bellissima. La cosa che mi fa più piacere è che a sceglierlo e a votarlo sono sempre i lettori, dai quali, peraltro, continuo a ricevere grandi apprezzamenti. Che Mangialibri l’abbia considerato “miglior libro dell’anno” non mi sembra cosa da poco.

So che è di prossima uscita, sempre con le edizioni E/O, il nuovo romanzo in cui il protagonista è un giudice che torna in Sicilia dopo essere stato lontano per anni. Come mai hai deciso di passare dal romanzo storico a uno contemporaneo, forse di argomento più attuale?
Intanto perché quella che uscirà a settembre è una storia nata prima di Cenere, scritta sull’onda di una fortissima emozione e impregnata di nostalgia. In realtà non ho deciso di passare dal romanzo storico a quello contemporaneo perché mi sono sempre occupata di attualità: la narrazione atipica, rispetto alle mie tematiche, è proprio Cenere, romanzo nato senza alcuna predeterminazione dopo aver letto “La strega e il capitano” di Sciascia. Era lontanissima da me, infatti, l’idea di raccontare una vicenda ambientata nel Seicento che avesse a protagonisti inquisitori, presunte streghe e oscurantismo.
Questa nuova è una storia sulla Sicilia, sulle scelte che si fanno da ragazzi e che spesso si rivelano sbagliate, tali da scatenare il rimpianto quando si vorrebbe che la bobina del tempo si riavvolgesse e si tornasse a quegli anni, quel tempo in cui tutto era straordinariamente leggero, facile da vivere. E’ anche, in trasparenza, il racconto di anni difficili, il periodo nero del piombo e delle stragi, giorni che portano con sé il disincanto, la pesantezza di scelte che riguardano la democrazia e un certo modo di fare politica.

Cos'è per te la scrittura?
E’ raccontare. E’ un canto di sirena. E’ ipnotizzare e lasciarsi ipnotizzare dal ritmo, dall’armonia, dal suono delle parole che acquistano corpo e sostanza e intramano sulla pagina vicende minime o straordinarie, tali, comunque, da non lasciare indifferenti, da operare in chi legge una trasformazione. Ma scrivere è soprattutto impegno, lavoro di lima e di cesello, è ricchezza di vocabolario, sfida a inchiodare il senso di ciò che si vuole dire con l’unica parola che sia in grado di farlo.

Ormai vivi a Roma da parecchi anni, che rapporti hai mantenuto con la Sicilia?
Di grande nostalgia. Appena posso vengo giù. L’esserne lontana, però, mi permette di acquisire quella giusta distanza per guardarla con obiettività: rendermi conto dei pregi, non nasconderne i difetti.

Cosa può fare un'intellettuale per risvegliare le coscienze dei siciliani? Le coste delle tue zone (Melilli e Priolo) sono tra le più degradate e ci mancava poco che trivellassero il Val di Noto, patrimonio dell'umanità, alla ricerca del petrolio.
Bisogna parlare, raccontare, ipotizzare i possibili disastri. Solo se si mettono gli altri in condizione di sapere, è possibile un cambiamento. Uno scrittore, però, è spesso come Cassandra: riesce a vedere tra le maglie del futuro e a inorridirne, ma quando cerca di rendere gli altri partecipi delle sue visioni ecco che non viene creduto, anzi, è tacciato di “eccesso di fantasia”, di “tendenza alla drammatizzazione”, e le sue parole – che comunque inquietano – vengono relegate nelle zone atrofiche della coscienza, anche di quella collettiva.

Per gentile concessione di Salvo Zappulla e Tea Ranno

 

inserito 02/07/07
VISITE: 11304



Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali