Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [14/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Gordiano Lupi intervista
Giancarlo Narciso


Giancarlo Narciso è autore che non ha bisogno di presentazioni. Pubblica da anni romanzi di spionaggio su Segretissimo, edito da Mondadori, sotto lo pseudonimo di Jack Morisco, ha vinto il Premio Tedeschi (1998) con Singapore Siling, il Premio Scerbanenco (2006) con Incontro a Daunanda, due romanzi inseriti nella trilogia di Rodolfo Capitani che si completa con Le zanzare di Zanzibar. Luigi Bernardi sceglie un romanzo breve di Giancarlo Narciso per continuare la serie di autori noir italiani nella elegante collana Babelesuite, che dovrebbe vincere un premio per la cura editoriale e il progetto grafico. Ho avuto modo di apprezzare Santanta di Danilo Arona (un vero autore horror italiano), Duri di cuore di Alfredo Colitto (un noir duro alla Scerbanenco), ma anche altri nomi della collana sembrano affidabili: Piergiorgio Di Cara, Elisabetta Bucciarelli e Loriano Machiavelli.


Anno 2008 - Perdisa Pop
Prezzo € 9 - 120 pp.
(collana Babelesuite)
ISBN 9788883724619

Appena terminata la recensione di Un’ombra anche tu come me, ho deciso di avvicinare l'autore e fargli qualche domanda...

Giancarlo, vuoi parlarci di questo romanzo?
Mentre lo scrivevo non sapevo ancora come sarebbe finito e, in parte, non lo so nemmeno ora, perché la storia è vista dagli occhi di Jack che non è un testimone del tutto attendibile, preso com'è dalla sua ossessione misogina. Daniela non è così assolutamente cinica e perfida come si potrebbe pensare, è una donna con disturbi della personalità. Nicola non è lo stinco di santo che dice di essere. I due si meritano reciprocamente.

Non anticipiamo il finale. Cosa racconta la storia e da dove deriva l'esigenza di scriverla?
La storia racconta lo strano rapporto di Jack con le donne. Le sue paure coperte dal tono sicuro con cui parla di loro. Lui comincia a fare il duro, della serie, io da questa qui non mi faccio fare fesso, anche se è lei che lo paga, per cui è in posizione subordinata, ma mano a mano che si allontanano dai posti turistici è lui a riprendere il sopravvento, visto che è la guida e la donna ha bisogno della sua esperienza.

Il protagonista ti somiglia un po'…
Ho volutamente fatto confusione creando un personaggio dalla biografia quasi identica alla mia (a parte la Folgore, ma mi serviva uno che sapesse sparare, la pistola era necessaria) e con il mio stesso nome, in modo da riproporre al lettore il dubbio che non tutto quello che si racconta in un libro è vero, ma è solo deformato. Se Narciso racconta di essere il personaggio di una storia non vera, allora anche il personaggio forse non racconta tutte le cose come stanno ma solo come le vive lui, allora anche Daniela e Nicola raccontano una realtà deformata. Insomma: la realtà non è mai come la si racconta, non può esserlo.

Il futuro della narrativa italiana è nei generi letterari?
Non mi sembra di scorgere significativi segni di cambio all'orizzonte rispetto al passato, il genere è vivo e vegeto e svolge la sua funzione accanto a una letteratura che invece cerca di svincolarsi dai cliché. Che ci riesca è un altro paio di maniche.

Per uno scrittore italiano è così difficile uscire dai cliché narrativi? Un italiano deve necessariamente scrivere un giallo ambientato in provincia?
Credo che il giallo di provincia sia alla frutta. Ce l'hanno rigirato in tutte le salse e ha davvero stancato.

Meglio l'edicola o la libreria?
Dovendo scegliere, la libreria, anche se l'edicola fa numeri che in libreria nemmeno si sognano. Ma se vai in edicola non vieni recensito ed è quasi impossibile venire tradotti in altre lingue. L'ideale sarebbe uscire prima in libreria e poi in edicola in una collana economica, come certi editori fanno.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Da un lato uscire dal genere con un romanzo di ampio respiro e dall'altro restare nello spionaggio usando l'esperienza maturata per raccontare intrighi italiani. Ho già fatto un primo tentativo nel racconto uscito sulla antologia Legion di Segretissimo, in cui pur usando il mio personaggio seriale di Banshee, lo collegavo alla realtà politica italiana, nella fattispecie agli anni di piombo. Mi affascina l'idea di usare agenti del Sismi come personaggi positivi, tipo Calipari, invece del solito stereotipo d'operetta dei bombaroli stragisti e golpisti. Penso per esempio a una storia che ponga la questione del perché, per salvare certi ostaggi, si mobilita l'intero paese pagando a volte prezzi pesantissimi (e non parlo di soldi, vedi il caso Sgrena o quello del giornalista rapito in Afghanistan dove l'interprete è stato lasciato a morire) mentre ci sono altri ostaggi per cui non si muove un dito, come i casi recenti in Africa. Qual'è il ruolo dei servizi di intelligence in queste storie? Ci sono ostaggi di serie A e di serie B? E se sì, perché?

Non perdiamo di vista Giancarlo Narciso, perché questa idea mi sembra molto interessante!

Per gentile concessione di Giancarlo Narciso
e Gordiano Lupi


inserito 30/01/09
VISITE: 3391



Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali