Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [30/01/2023] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
3 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il ciclo di Surk e Mahalabrint
di Paolo Durando


A cura di Carlo Santulli

Idealmente, la letteratura fantastica, che si tratti di fiaba, fantasy o fantascienza, vuole assolvere il compito, non modesto né semplice, di chiarire i principi che fanno muovere ed agire il genere umano (la morale altro non è, se non un insegnamento, spicciolo quanto si vuole, ma spesso onesto e limpido, anche se non privo di implicazioni psicanalitiche, come si sa). Non mi riferisco semplicemente ad una visione didascalica della letteratura che credo Paolo Durando troverebbe riduttiva. Penso piuttosto che, nel momento in cui si parla prepotentemente di crisi della fantascienza, scientifica od umanistica che sia, opere come questo romanzo doppio ci riportino un po' alle premesse che hanno fatto sì che gli scrittori, interrogandosi sul progresso e sulla vita umana, concepissero di spiegare l'uno e l'altra con la propria capacità di immaginazione e di predizione del futuro, in una parola con la fantasia.
La fantasia è un po' estrapolazione, dai progressi della chirurgia e della genetica si riesce per esempio a prefigurare i successivi stadi che saranno raggiunti dalla bionica, come dalla mongolfiera si potevano immaginare i viaggi interplanetari. L'estrapolazione è un procedimento semplice (basta prendere una curva e continuarla fino oltre i bordi del foglio, della stanza o della mente, a nostro piacimento), ma va applicato con premesse rigorose per dare risultati credibili. Invece, quel che è successo nel campo della fantascienza, specie cinematografica, è che si siano spinti dati scarni (o, se preferite, punti molto dispersi) fino alle estreme conseguenze, senza curarsi del fatto che le estrapolazioni fatte avessero senso, punto per punto, cioè affermazione per affermazione, esercizio pignolo, ma necessario alla riuscita dell'operazione.
Tuttavia, la fantasia è anche introspezione: in questo caso, come nel libro di Durando, il principio che muove l'elaborazione fantastica dei dati reali parte dall'interno dell'uomo, dalle conoscenze antropologiche. Potremmo essere, e forse siamo, nel campo di quella fantascienza, che alla scuola antropologica di Poul Anderson, per fare un nome, ha trovato una nuova ragione di esistere, ma il sincretismo romanzato che ci offre Durando ha anche altri ingredienti.
Mahalabrint è la storia di Almina, un nome che suggerisce un'ingenuità non infantile, ma poetica, e della sua presa di coscienza del mondo fantastico che la circonda, un mondo senza tempo, fatto di tecnologia, ma anche di poesia, di filastrocche, ma anche di macchine complesse per usi antichi, anzi atavici. Qui gli stucchi floreali e la coloritura mitologica si confondono in una natura non soltanto rigogliosa, ma ispiratrice e filosoficamente descritta.
E' il continuo divenire della natura di Empedocle e di Lucrezio, un divenire che ispira la prosa di Durando, dove le parole sono scelte per sovrapposizioni diacroniche, che non sono mai casuali, ma indicano la volontà e la necessità di andare a fondo, di immergersi in una spiegazione unitaria, ma flessibile e perfino volubile, se non capricciosa, dell'evoluzione del mondo.
Capire dove va il mondo ci porta, forse inevitabilmente, a discutere di una possibile fine del mondo, quell'apocalisse rappresentata infinite volte dagli scrittori di fantascienza, spesso in verità con esiti discutibili. Riflettere sulla Fine della Storia porta invece Durando, con voluta e consapevole sublimazione letteraria, a meditare sul silenzio, un concetto che ricorre, e può essere ancestrale, profondo, perfino normale (aggettivo insolito in un mondo che tende al caos), ad indicare che la sorte necessaria del mondo è di seguire un proprio ciclo di Surk, mentre il destino, o forse la maledizione della maggior parte degli esseri umani è quella di ignorarlo e di confondersi fino a stordirsi in illusioni di progresso. Nel Ciclo di Surk il positivismo appare per quel che tragicamente è, una metafora del mondo atta ad acquietare le incertezze filosofiche e le pulsioni verso la conoscenza, più che ad aiutare l'introspezione ed il riconoscimento di sé nel cosmo.
La capacità di linguaggio di Durando sono fuori discussione, come è accurata, anche filologicamente, la scelta dei nomi di persone e cose, senza il quale non c'è ricostruzione, fattuale o mitologica, che tenga. Volevo soltanto notare la capacità di contaminazione da diversi generi dell'autore, con la possibilità di spaziare da registri di fiaba a sottintesi psicologismi un po' landolfiani fino alla disperata allegria di certa letteratura sudamericana, a volte nel corso della stessa frase (trovo emblematico un periodo come "L'amica preferita di Larospa era una donna piccolissima, dallo sguardo perso in una felicità insensata, che ad ogni parola reagiva come se la facesse ridere un sacco e piegava il volto radioso verso mondi interni e stupiti; Larospa era sua padrona e le teneva la mano e le parlava"). Dove però il gioco si fa duro, come in certi luoghi del ciclo di Surk, dove l'Olocausto si affaccia come sterminio programmato originato dal totalitarismo, Durando sa essere distaccato, ma partecipe, anche al limite della commozione. Il suo stile è ben lontano dal cinismo di certa letteratura contemporanea, e vuole non solo descrivere gli incubi, ma spiegare il processo mentale e storico che li produce, in un testo solido e costruito con robustezza, ma non privo di gradevolezza ed anche di apprezzabili spunti poetici, i grandi assenti (purtroppo) di molta fantascienza di oggi, che con l'ingenuità di Almina, ci fa piacere riconoscere e salutare uno ad uno in quest'opera.

Carlo Santulli
csantulli@progettobabele.it


VISITE: 3964
 

 

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali