Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [19/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Gennarina
di Corrado Ruggiero
Pubblicato su SITO


Anno 2007- Marsilio


ISBN

Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 171
Media 78.77%



 Gennarina

Credo che una delle fissazioni del nostro Meridione, ma forse (tristemente), di tutta Italia, ad eccezione di qualche zona un po' più industrializzata (ammesso che ne esistano ancora), sia l'insistenza con le proprietà taumaturgiche di una laurea (ma anche di una mezza laurea, e perfino di un'iscrizione ai corsi) in giurisprudenza. Laurea che fa diventare “avvocati”, il che non significa necessariamente praticare la carriera del Foro, ma permette anche, perché no, di entrare in politica, oppure, più semplicemente, ma naturalmente in modo più oscuro e modesto, di intraprendere una carriera impiegatizia. La laurea che apre tutte le porte, chi non lo sa? E questo era tanto vero negli anni '50, come oggi, temo. Nemmeno letterariamente, comunque, era necessario laurearsi: Guido Gozzano veniva chiamato avvocato, come confida in una composizione, più o meno velatamente autobiografica, come “La signorina Felicita”, senza esserlo.
Così, nel bel romanzo di Corrado Ruggiero, “Gennarina”, il più recente di una serie dedicata alla sua città natale, Nocera, che comprende “Nuova Nocera York”, “Rossa Malupina”, “Ballata nucerinese”: “ [...] gli studenti ai quali, per consolidata usanza paesana, bastava che si scrivessero all'università di Napule, Facoltà di Giurisprudenza e issofatto acquistavano diritto al titolo. Una selva adunque di avvocatoni mezzavvocati avvocatielli avvocaticchi paglietta e aspiranti al titolo in cui era facile sperdersi e d'onde, una volta sperduto, non uscivi più” (p. 53). In una cittadina con aspirazioni ad una notorietà e fisionomia almeno provinciale, in competizione con il capoluogo “Salierno”, come Nocera, il notabilato locale assume queste complesse forme di catalogazione e di appartenenza di classe, con sfumature forse comprensibili forse solo dagli autoctoni: non mancano i bar, o circoli, con nomi incongrui, come Tropicana, dove i commenti sulle ragazze si mescolano alla discussione politica e localistica, a formare una sorta di idea del mondo.
E, a parte la classificazione degli avvocati, ritagliata volutamente sulla tassonomia degli ommini, mezzi ommini, omminicchi e quaquaraquà, da “Il giorno della civetta” di Leonardo Sciascia, il breve estratto centra l'obiettivo sugli interessi letterari di Ruggiero, lo studio sociologico di Nocera, anche se ammorbidito dall'ironia spinta spesso fino al sarcasmo, la ricerca linguistica, che ne fa in certo senso un Camilleri salernitano, con in più una consistente spinta verso l'arcaismo, purché espressivo, e lo studio dei personaggi, che raggiunge degli eccellenti risultati sulla protagonista, Gennarina Menniello, un'adolescente inquieta e intelligente, anche se maschera la propria personalità dietro quell'”ingrifatezza” di carattere, e probabilmente, ma significativamente, trascurata e sottovalutata dalla sua famiglia, proprio rispetto al fratello “avvocato”, cioè studente in giurisprudenza e politico in nuce, tanto autoreferenziale quanto velleitario. Un simbolo di quella discriminazione è la bottiglia, che Gennarina deve, all'uso antico farsi riempire dal vinaio sottocasa, ad un'ora ed in una quantità diversa, secondo i capricci (o le esigenze) familiari, cioè del fratello “avvocato”.
Essere selvatica, “spruceta”, insomma ingrifata, è un'ancora di salvezza e di ricerca di un maggiore spazio di libertà, anche nelle uscite a Napoli (perché naturalmente Gennarina finirà studentessa in giurisprudenza anche lei, e di vocazione, al solito, è meglio tacere) e nell'amore, tanto timido (e timoroso) ed ormonale, quanto proprio per questo realistico, con Totonno. Cosa cerca Gennarina? Non certo la stupida trasgressività, fesseria post-sessantottina di cui fatichiamo a liberarci. In realtà, cerca un terreno su cui muoversi e da cui partire, conscia che la propria famiglia non può agire che come un freno tirato sulla sua vita e sulla sua personalità. Non mi stupisce che “Gennarina” sia stato proposto, purtroppo senza successo, per la selezione finale del premio Campiello. Ruggiero ha le idee chiare su cosa vuole descrivere, come vuole farlo, e del linguaggio da usare in ogni caso: racconta Nocera da lontano, e, come spesso accade, una certa presbiopia della scrittura aumenta la profondità di comprensione, cosicché l'autore riesce ad ottenere, a volte anche con qualche battuta, mai estranea al contesto, una notevole continuità di tensione narrativa, il che permette di raccomandarlo senz'altro per la lettura.


Una recensione di Carlo Santulli



Recensioni ed articoli relativi a Corrado Ruggiero

(0) Gennarina di Corrado Ruggiero- Il Parere di PB

Recensioni ed articoli relativi a Carlo Santulli

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) La qualità dei sentimenti di Giampaolo Giampaoli - RECENSIONE
(2) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(3) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(4) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(5) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(6) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(7) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(8) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(9) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(10) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
>>Continua (click here)



Altre recensioni:







-

dal 2007-12-02
VISITE: 7902


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali