Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [18/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

I sublimi segreti delle Ya-Ya Sisters
regia di Callie Khouri
Pubblicato su SITO


Anno 2002- USA


Una recensione di Alessia Marelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6972
Media 78.97%


I sublimi segreti delle Ya-Ya Sisters
Titolo Originale: Divine Secrets of the Ya-Ya Sisterhood dall'omonimo libro di Rebecca Wells
Genere: Drammatico/Commedia
Durata: 116
Origine: Usa
Anno: 2002
Regia: Callie Khouri
Cast: Sandra Bullock, Ashley Judd, Ellen Burstyn

Di film sulla inossidabilità e immortalità dell'amicizia femminile ce ne sono a bizzeffe sia a Hollywood che altrove, ma quelli davvero buoni, che fanno sorridere e commuovere, che riescono davvero a fare leva e a rievocare i nostri ricordi più sepolti fino a riempirci di nostalgia si possono contare sulla punta delle dita. Infatti se l'argomento non è dei più originali, se spesso in alcune pellicole si eccede di proposito in facili sentimentalismi e vecchi stereotipi rischiando di rendere banale una delle esperienze più belle e preziose che si possano fare nella vita, a volte il cinema ci può regalare dei veri "gioiellini" che se, non brillano per profondità e perfezione, sanno almeno raccontare vicende piuttosto credibili con una giusta dose di ironia e leggerezza. La trasposizione dell'omonimo libro di Rebecca Wells, "I Sublimi segreti delle Ya-Ya Sisters", ci trasporta nella odierna New York, dove la giovane commediografa Sidda, dopo una infuocata intervista rilasciata a una giornalista dove racconta la sua triste e tormentata infanzia, è costretta a fare i conti con l'ira della sua irrequieta e particolarissima mamma: Vivi, un' anziana signora borghese della Louisiana, che con le sue sbornie e i suoi capricci è ritenuta la causa delle nervosi e dei problemi adolescenziali mai risolti di Sidda. Solo il generoso e tempestivo intervento della singolare tribù delle "Ya-Ya sisters", una simpatica combricola di irresistibili amiche di vecchia data di Vivi, potrà risolvere il dramma, riportando alla luce il passato non facile della loro "compare", per portare la pace tanto desiderata tra le due donne. Veniamo così catapultati nel profondo Sud degli Stati Uniti, nel primo dopoguerra, dove le nostre beniamine, allora appena ragazzine, fanno il patto eterno di reciproco sostegno per la vita che le attende. Così in alcuni frammentati flashback, vediamo la giovane e spensierata Vivi, figlia di un padre egoista e di una cattolica bigotta e infelice, trascorrere giornate allegre in mezzo ai sani divertimenti da ragazza americana perbene; la vediamo poi crescere e affrontare la dura realtà, spesso non identica alle nostre aspettative, per poi trasformarsi lentamente in una tipica casalinga anni 50, frustata e annoiata, affongandosi nell'alcool e perdersi tra i sogni infranti di un futuro migliore e i rimpianti di donna matura ma provata e rassegnata, incapace di farsi coraggio, di interpretare il ruolo di moglie e madre esemplare che tutti si aspettano da lei e di accettare in maniera serena il suo destino, incapace di nascondere alla famiglia i suoi problemi e colpevole di stravolgere la vita di tutti con il suo animo da adolescente incosciente, ma ancora in grado di fare slanci di affetto e di regalare ai suoi figli, per quanto può, momenti di gioia autentica. Ciò che la sostiene è ovviamente l'appoggio delle sue amiche di infanzia, diventate con il tempo compagne di sventura, che con l'ironia e l'affetto, a ritmo di feste casalinghe, pomeriggi al mare, sigarette e drink che fanno dimenticare i dolori e risate liberatorie, la accompagnano lungo tutta la serie di disavventure, più o meno serie, che incontra. Raccontato con uno stile semplice e leggero, nonostante affronti in maniera troppo superficiale temi profondi come l'alcolismo o il razzismo e abbia a volte cadute di tono, come nel classico lacrimevole finale, la pellicola offre buone interpretazioni, dialoghi taglienti e ironici, splendidi e immensi paesaggi del sud degli Stati Uniti,narrando le vicende in maniera incantevole, soprattutto quando descrive le disavventure e i caratteri delle sagge "Ya-Ya sisters", arzille signore di campagna, perfide, insopportabili e amabili allo stesso tempo, capaci di vivere ignorando valori importanti come la creazione di una famiglia vera, i bisogni primari dei figli, la propria realizzazione professionale, l’amore autentico tra marito e moglie (come in ogni film al femminile che si rispetti gli uomini o sono egoisti o sono martiri o muoiono dopo dieci minuti ), in una parola il mondo reale attorno a loro, che litigano e si punzecchiano continuamente, senza però riuscire a fare a meno l'una dell'altra, come solo riescono a fare le donne che si conoscono e si amano da tanto tempo, vivendo nel mondo “magico” che hanno creato solo per se stesse, dove i miracoli esistono e c’è sempre posto per l’affetto e per la baldoria spensierata. Ciò che ne esce è uno spietato e affettuoso spaccato di un'epoca e di un ambiente come la provincia americana, pieno di tradizioni e contraddizioni che sembra a volte sopravvivere all'insegna dell'ipocrisia, ma dove non è difficile scovare veri e propri sentimenti di solidarietà, dove chiunque può sentirsi a casa e trovare dentro di sè la forza e la felicità, o perlomeno scrivere un buon finale alla sua vita. Alla fine, anche se rimangono molti punti oscuri sul passato delle protagoniste e sui magici segreti misteriosi proclamati dal titolo, si resta comunque affascinati, e permane il desiderio di conoscere più a fondono queste formidabili donne, lontane anni luce dalle nevrotiche e incontentabili donne in carriera di oggi, che anche se non hanno trascorso un' esistenza all'insegna dell'ortodossia e della perfezione, hanno almeno raggiunto una serenità e una saggezza invidiabile che ognuno di noi vorrebbe ereditare da loro, come fa Sidda nel finale, riconciliata con il proprio passato, pronta finalmente ad affrontare lei stessa la vita che l'attende.


Una recensione di Alessia Marelli



Recensioni ed articoli relativi a Callie Khouri

(0) I sublimi segreti delle Ya-Ya Sisters di Callie Khouri- RECENSIONE CINEMA

Recensioni ed articoli relativi a Alessia Marelli

Nessun record trovato

Altre recensioni di Alessia Marelli

(1) Shanghai baby di Zhou Weihui - RECENSIONE
(2) Lolita di Vladimir Nabokov - RECENSIONE
(3) L' Amante di Marguerite Duras - RECENSIONE

Altre recensioni:







-

dal 2005-07-31
VISITE: 18636


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali