Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [25/06/2024] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Comfort Festival - Ferrara diventa americana (EVENTO 2024-07-07)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

TUTTA QUELL'ACQUA
di Luigi Bernardi


Dario Flaccovio Editore
Collana Tempora
153 Pagine
Settembre 2004


Giornalista, scrittore, traduttore, editor, talent scout, consulente editoriale, romanziere, saggista, studioso di cronaca nera…il curriculum letterario e la biografia di Luigi Bernardi sono impressionanti.

Niente di strano che sappia come scrivere un buon libro. Anzi, di più, un libro al di fuori dei generi canonici, un testo ibrido, non catalogabile, ma avvincente.

Nonostante la tecnica, la valenza artistica, i virtuosismi letterari, e le strategie narrative di una vecchia volpe dell'editoria italiana, in questo romanzo "difficile" di Bernardi si legge anche la passione, il cuore, l'impeto interiore senza dei quali nessun libro "è un buon libro".

Una scenografia azzardata, dai contorni imprecisi e appena accennati, fa da sfondo a una storia tutto sommato "non nuova". L'incontro di due esseri umani a metà, che per un lungo doloroso momento credono di completarsi, portandosi un passo avanti verso la salvezza, per poi perdersi senza alcuna speranza l'attimo dopo.

Ne poteva uscire un'opera indefinita, magari banale. Ne scaturisce invece una storia potente, vorticosa e trascinante. Come un giallo o come un noir della più pura classe.

Eppure Tutta quell'Acqua non è né un giallo né un noir, e sebbene non sappiamo bene cosa sia, constatiamo che davanti a noi, in quelle centocinquantatre pagine, scorrono due intere esistenze, alle quali ci appassioniamo e ci leghiamo indissolubilmente, fino all'ultimissima riga.

Esiste forse qualche altra cosa che conti in un libro? Si può ragionevolmente richiedere qualcosa di più a un autore? Assolutamente no. Perché il fine ultimo della narrazione è stata raggiunto, e con validissimi mezzi espressivi.

Tutto da ammirare, e da gustare fino in fondo, questo ultimo lavoro di Luigi Bernardi, edito dalla Flaccovio Editore per la collana Tempora.

Vanni e Bianca sono due personaggi lacerati, confusi, indecisi, tendenzialmente in retromarcia rispetto al mondo che li circonda. Lo scenario circostante di una guerra indefinita, dai contorni vaghi e sfumati, non fa che appesantire e accentuare questo loro senso di estraneità.

Un dramma contenuto è la miccia che innesca la loro conoscenza, la scintilla generatrice del loro contatto, inizialmente non voluto, fortuito, del tutto casuale, anzi quasi respinto.

Una deflagrante esplosione di violenza è la chiusura finale che li accompagna verso una fine praticamente annunciata, il compiersi di un destino tanto inevitabile da sembrare quasi desiderato.

Inappuntabile sotto multi punti di vista, questo romanzo cattura come un serpente ammaliatore.

Chi di noi non riconosce se stesso in qualcuno dei piccoli "vizi" emotivi di difesa psicologica che il protagonista attua nei confronti della pressante realtà che lo circonda?

E se il dramma di Bianca è più profondo, visceralmente motivato da un trauma gravissimo, di natura non immaginabile, anche in lei si possono ravvisare tratti comuni alla quotidiana realtà di molte donne, che concentrano in un unico incontro tutte le loro possibilità di riscatto e di affrancazione.

Il classico avvicinarsi di due entità allo sbaraglio, di due vascelli sperduti nelle tempesta, ci porta inesorabile al fulcro della vicenda, dove tutte le carte si giocano, neanche a farlo apposta, attorno al panno verde di un tavolo da biliardo.

E' lì che tutti gli eventi si compiono, le identità si completano, i protagonisti si confrontano, ed è sempre in quel momento che si presagisce la sconfitta.

Nonostante una lieta aria di primavera emotiva lasci intravedere altri scenari, mutuamente possibili, la storia si avvia progressivamente verso una fine tutto sommato accettabile, se pur dolorosamente dura da concepire.

Pertanto, quando abbandoniamo i nostri protagonisti al loro destino, ci rendiamo conto che, come accade nei classici della letteratura, il decorso clinico non poteva essere che questo, e che i due alla fine periscono di una sorta di morte annunciata.

Lascia l'amaro in bocca, ma si fa ricordare, questa storia lacerante di incomprensione e dolore, a cui il sapiente scenario bellico fa da sottofondo in un giusto tono di contrappunto, senza oscurare eccessivamente né appesantire una storia che già da sola avrebbe vissuto di vita propria.

Una confezione raffinata, insomma, un piccolo gioco di acrobazia da parte di un autore tutto sommato smaliziato, e fortemente evoluto, che schiaccia l'occhio al suo pubblico, facendosi perdonare anche qualche piccolo trucco di prestigio avvenuto proprio sotto i nostri occhi.

Ma fa parte del gioco anche questo, perché non c'è trucco senza inganno.

Alla fine l'unica cosa importante, come diceva Oscar Wilde, è che non esistono libri buoni e scritti cattivi, ma più semplicemente libri scritti bene o scritti male, e Tutta quell'Acqua, oltre ad essere intrigante ed atipico, è anche e soprattutto, scritto benissimo.

Sabina Marchesi



VISITE: 4.565

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali