Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [11/08/2022] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Poesia "Danilo Masini" scadenza 2022-08-12    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
9 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     


L'Hammam
di Tahar ben Jelloun


a cura di Claudio Palmieri

Einaudi 2002
Pagine: 52
Costo: 7.50 Euro


È l'ossessione che porta la follia o la follia che porta all'ossessione? Questa è la domanda che mi sono posto dopo aver cominciato a leggere questo piccolo romanzo di Tahar Ben Jelloun. Infatti, il protagonista, un pianista marocchino baciato dal successo, ha un'ossessione,
quella di essere sporco e di emanare un puzzo orribile. Egli si lava, una doccia al mattino ed un bagno rilassante alla sera, ma quell'odore non lo abbandona mai. La sua compagna ed il suo medico gli spiegano che, in realtà, non ha nessun cattivo odore, ma questo non basta a farlo star meglio. Lui sa che quell'odore c'è ed è dovuto ad una malattia, una Malattia Amichevolmente Trasmissibile, una malattia che ha contratto stringendo una mano, o abbracciando una persona malata e contagiosa.
Il rimedio per questa malattia che lo fa sentire così lordo non è qualcosa di convenzionale. Non è una doccia con un detergente speciale e neanche una crema dermatologica o un profumo. Egli sa che per perdere quell'odore il rimedio e una visita all'hammam, ed in particolare a quell'hammam di Fez dove si trova Bilal il massaggiatore nero.
Così il nostro protagonista che da anni risiede in Francia, lascia tutto e da solo va a Fez per poter ritrovare l'antica usanza dell'abluzione presso l'hammam e poter giovare del massaggio purificatore di Bilal.
La prosa di Tahar Ben Jelloun scorre fluida ed il libro si legge in un paio d'ore. Ma nonostante la sua brevità i contenuti di questo romanzo sono interessanti. La dedica dell'autore di per sé è già una sferzata che ci arriva prima di iniziare l'attacco dell'incipit: "Ai traditori che si riconosceranno". Poi, leggendo oltre, si arriva inevitabilmente a chiedersi quanto ci sia di autobiografico in quella cinquantina di pagine. Pagine che descrivono il mondo dell'artista affermato che si trova attorniato da personaggi mascherati da amici sinceri che troppo spesso sono solo invidiosi e interessati. E da questi "traditori-untori" che il protagonista fugge arrivando a Fez dove trova finalmente le risposte alle sue domande.
Nella Fez descritta ne "L'hammam" gli anziani si lamentano di come ciò che era la loro città non esista più; ben poco è rimasto come prima. La città non ha più l'identità di una volta e solo qualche pazzo è convinto ancora di poter salvare ciò che era e oramai non è più. Lo stesso protagonista trova che la sua casa natale, posta nella città vecchia, è oramai diventata un'abitazione popolare in un sobborgo. Questo cambiamento della città si rispecchia in un più generale cambiamento della società, in cui oggi le cose buone sono oramai andate perdute e i "malvagi" hanno la meglio. Oggi "le persone conoscono la paura, ma non il rispetto" dice un anziano al nostro protagonista; non ci sono più ideali e i "traditori", coloro che urlano e schiamazzano, coloro che vivono di invidia e sotterfugi, hanno vita facile. Da questi personaggi bisogna stare lontani. Evitare di frequentarli, non farli entrare nella propria vita e, se ciò fosse malauguratamente già successo, allontanarli e dimenticarli. Dimenticarli per guarire.
La lettura di questo libro di poche pagine ci lascia molto. Ancora una volta Tahar Ben Jelloun ci dimostra le sue qualità di grande narratore e in più ci mostra come si possa esprimere tanto in un testo così breve.

Claudio Palmieri, Maggio 2002
cpalmieri@progettobabele.it


L'incipit

È da molto che sogno di andare all'hammam. Faccio la doccia ogni mattina, ho una cura quasi ossessiva della mia igiene personale, eppure mi sento sporco. Mi manca l'hammam. Più che nostalgia dell'infanzia, anni avvolti nel vapore e intrisi di immagini sfocate, un tempo in cui l'innocenza ci permetteva di accompagnare le nostre madri in quei luoghi di ambigua intimità, il bagno moresco o bagno turco, come lo chiamano gli orientalisti, è uno spazio privilegiato, una specie di segreto che ogni bambino marocchino custodisce gelosamente nella propria memoria. Un bambino non è mai del tutto innocente, ma chiude gli occhi e fa come se nulla di veramente grave potesse accadere nella luce velata che da' ai corpi delle donne forme stravaganti e traboccanti di desiderio. con il passare degli anni quelle immagini ingrandiscono e assumono proporzioni inquietanti. Certe scompaiono, altre riemergono in sogni perplessi. Per alcuni, tutte le donne che si lavano in quella semioscurità sono delle orchesse, per altri esiste solo la propria madre e non vedono che lei.

 


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali