Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [16/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

MAKTRA
di Riccardo Jevola

a cura di Paolo Durando


Mario Michele Pascale Editore
136 pg. - 12 euro
ISBN 88-88258-33-7


Questo sofferto, compatto romanzo è un esempio in più di come molte cose interessanti che si scrivono vengano pubblicate assolutamente fuori dai circuiti più riconosciuti ed individuabili. Si tratta in questo caso di fantascienza, il genere che, forse più di tutti, consente di attraversare i territori del pensabile. Il romanzo si apre con la relazione in merito alla scoperta di Maktra, l'ultima particella della materia: "Maktra è e non è. Non possiede informazione, non possiede massa, non possiede energia. Non ha un tempo, non ha un luogo in uno spazio, può essere ora qua e là, e può non essere, nello stesso tempo, né qua né là, seppur sempre presente in ogni processo di evoluzione. Maktra è l'archetipo del Caos, è la sua anima. Il nostro corpo, il nostro mondo, l'Universo poggiano da sempre sulla caotica esistenza di una particella che non ha un perché, non segue una logica, non possiede qualità alcuna. Per puro semplice imponderabile caso fa sì che qualcosa si aggreghi e si stabilizzi per successiva selezione una volta ogni migliaia di miliardi di miliardi di miliardi di combinazioni…"
Facciamo appena in tempo ad assorbire l'inquietudine destataci da questa sconvolgente acquisizione e ci ritroviamo in un'atmosfera alla Simenon, memori grati di certo peregrinare di Maigret per vicoli, bistrot e donne perdute. A rabbrividire nella fredda notte autunnale, mentre la TV trasmette interminabili dibattiti sulla fine della religione, è Francesco, disoccupato divorziato, con una figlia quindicenne che vede poco e che lo odia.. L'incontro con una donna, Margherita, che sembra trasmettere calore ma che rivela presto, nella sua mordacità, qualcosa di folle, prelude alla conoscenza di Lucia, il cui passato è stato funestato da uno stupro e che viene protetta e amata da Margherita in un morboso transfert. Ne consegue un rapporto a tre che evolve in una vera e propria violenza sessuale nei confronti di Francesco, diretta da Margherita, in onore di Lucia e nonostante l'opposizione di quest'ultima. La narrazione privilegia solidi, ibseniani dialoghi mentre allo sfondo collettivo sono dedicati pochi ma efficaci cenni; intuiamo un mondo che, scoperta l'inesistenza di Dio, accertato il presunto suicidio del papa, pare tornare all'homo homini lupus di hobbesiana memoria, fino ad assestarsi su una "normalizzazione" militare, nell'impoverimento collettivo e in una globalizzazione ora davvero conseguita. Francesco non segue l'affermarsi del nuovo ordine a causa del fatto che, picchiato da un barista per esser stato testimone involontario di un delitto e infine colpito da una statuetta di bronzo da Margherita, resta sette mesi in coma. Al risveglio si trova dunque di fronte al fatto compiuto, con la sensibilità ancora intatta, incapace di adattarsi e di capire. Arriverà tuttavia ad una catarsi, ritrovando il suo vecchio lavoro di restauratore di dipinti, fornitigli stavolta da un generale che li ha salvati dalle devastazioni, e un rapporto pacificato, che potrebbe aprirsi all'amore, con Lucia.
Si è tentati di sostenere che l'unico punto debole del libro, l'anello che non tiene, è proprio l'assunto di base: la scoperta della supposta particella Maktra come prova dell'inesistenza di Dio. Jevola si ispira evidentemente alle ultime acquisizioni della fisica, che paiono proprio sul punto di confermare che il mondo, e perciò noi stessi, siamo costituiti in ultima analisi dal nulla, da incontri e scontri tra particelle le cui posizioni e continuità d'esistenza obbediscono a criteri probabilistici. E' in effetti tutto da vedere se questo negherebbe la possibilità di credere o, piuttosto, la libererebbe una volta per sempre dagli impacci ancora eccessivamente eurocentrici e cristiano-centrici con cui la concepiamo. La teosofia in genere, ma anche la "cristiana" (o, per meglio dire, "cristica" ) antroposofia di Rudolf Steiner sostengono l'esistenza di altre dimensioni oltre quella fisica, le cui ultime, infinitesime particelle altro non sarebbero che una soglia. Chi ha bazzicato, anche solo per "fantascientifica" curiosità, nei secolari saperi esoterici sa dunque di piani materiali via via più sottili fino a per noi inconcepibili piani spirituali, in una suggestiva compenetrazione di realtà che può farci tornare alla mente le matrioske russe. Ma pur non volendo credere a queste cose, restando vincolati ad una kantiana saggezza, resta improbabile lo sgomento che Jevola ipotizza nell'umanità alla notizia della scoperta di Maktra. E' un po' come la "morte di Dio" di Nietzsche o la "fine della storia" di Fukuyama, a cui le persone di cosiddetto buon senso, non tramortite dai libri (interessante l'osservazione di Francesco all'accanita lettrice Giada: "Beh, aver letto mille libri… devi avere una foresta nel cervello") non hanno mai potuto prendere sul serio. Ma ovviamente tutto questo non è importante, anche se andava argomentato per essere stati comunque chiamati in causa nel nostro rapporto col mistero. Jevola stesso lo sa, aprendo uno spiraglio al dubbio alla fine del romanzo (la domanda di Lucia: "ma Dio, esiste veramente?"). Ciò di cui il nostro scrittore aveva bisogno era un pretesto forte per scrivere una intensa storia di tensioni tra personaggi tormentati, espressionisticamente immersi in uno stato cupo di sospensione, di indefinita ma forse irrimediabile perdita.

© Paolo Durando - dado.d@libero.it

VISITE: 4720

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali