Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [14/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Davanti all'immagine
di Vittorio Sgarbi
Pubblicato su SITO


Anno 2005- Editore BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Prezzo € 10- 319pp.

Una recensione di Simonetta De Bartolo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 11267
Media 79.21%



 Davanti all'immagine

In “Davanti all’immagine”, diviso in tre sezioni a sé stanti, Vittorio Sgarbi, storico e critico d’arte meritatamente noto, opera una originale scelta di artisti italiani e stranieri, dal basso medioevo ai giorni nostri, confessando subito di aver iniziato ad amare le arti figurative da quando per la prima volta vide “nella pietra qualcosa di simile alle parole” e riconobbe la possibilità ad un’immagine di “celarsi nel marmo e riscaldarlo come fosse carne”. Fu allora che s’innamorò di “Ilaria”, creatura viva nel marmo del sarcofago scolpito da Jacopo della Quercia. “Avessi mai pensato, nella mia mente astratta, che la bellezza si poteva calare in una pietra, o fissarsi in un velo di colore; avessi potuto credere che si era costituito un mondo parallelo popolato di simulacri più vivi e animati degli uomini; avessi veramente creduto che i musei non erano cimiteri ma luoghi pieni di sorprese e fonti di delizie (e, per gli innumerevoli ignari, minacciosi di insidie e trabocchetti). Per me la bellezza stava soltanto nella parola”.
L’autore prende in esame quadri, sculture, miniature, libri, fornisce informazioni biografiche, storiche, ecc., correda il saggio, vincitore del premio Bancarella, di suggestive riproduzioni, conduce il suo studio con l’acume critico, la spigliatezza discorsiva e la straordinaria apertura concettuale che lo caratterizzano, con sicurezza e dovizia di conoscenze e di riferimenti qualificati alla letteratura italiana, da Dante a D’Annunzio, alla storia della filosofia e alla storia dell’arte (da Argan a Rosemberg), con accostamenti dotti (Michelangelo-Brune Jones), notizie sull’esecuzione delle opere, in genere trascurate dalla critica tradizionale, paralleli arditi tra letteratura, pittura e scultura, mostrando equilibrato compiacimento, prendendosi il giusto merito di non aver “mai dubitato” del primato di De Chirico, creando nel lettore l’ansia di conoscere ciò che viene dopo, divertendo, incuriosendo, senza mai stancare. E se, da una parte, sembra ricordare ai lettori che solcano “in piccioletta barca” un vasto mare di conoscenze, dall’altra offre loro la possibilità di seguirlo tranquillamente nel suo filosofare pacato, ma denso di passione, nelle sue idee sull’arte, prima fra tutte quella secondo cui essa “possa consentire quello che la morte non vuole” e sui compiti del critico d’arte, nelle originali interpretazioni delle presenze, nei quadri, di animali (il gatto), fiori e cose, nelle sue interpretazioni sociologiche, psicologiche. Indubbia la sua paterna premura per il patrimonio artistico e letterario italiano (scrivendo, a proposito di “Genealogia del fuoco” di Aurelio Pes: “Caro lettore, proteggi e difendi questo libro anche da te”).
Il lettore si convince che l’immagine è dotata di parola, che deve essere vista e toccata, partecipa composto al convito dello stupore, del piacere, delle emozioni, degli aneddoti, della storia del gusto e del costume, s’interessa alla disputa sui rapporti tra artista e mercante d’arte, su falsi e falsari, condivide con fervore la forte e inequivocabile denuncia contro la confusione che regna nel presente, contro l’oblio fatto cadere su alcuni artisti, contro i vandalismi ufficiali di chi distrugge le città con nuovi allestimenti, trova giusta la rivalutazione doverosa del “grandioso fregio di Sartorio”.
Così, Sgarbi coinvolge, non è una novità, dà vita ad un mondo tenuto in ibernazione, fatto osservare da lontano, ora oggetto d’indifferenza, ora circonfuso di timor sacro, dalle mille sfaccettature, a volte contraddittorie; stimola a riflettere sull’opera d’arte, ad oltrepassare il “velame” dell’apparenza, a non far correre la parola più veloce del pensiero, perché, altrimenti, si rimarrebbe offuscati, disorientati, come quando, dopo essere stati a lungo al buio, si è investiti da meridiana luce. “Non andate a cercare l’anima nelle velate, prevedibili, notturne apparizioni della pittura simbolista; non siate contenti delle sue spoglie, delle sue esterne facce. L’anima non ha volto, e non è neppure indicibile: essa si rivela quando comunica un’emozione, quando convoca la sua compagnia che è in noi. Tutte le forme più alte dell’arte hanno cercato di riconoscere in un viso, in un moto del corpo, in uno sguardo levato al cielo, la chiara impronta dell’anima e soltanto in questo sforzo di trasumanazione hanno raggiunto il loro fine”.
Con Sgarbi l’immagine diviene pensiero, si anima, tira fuori un che di poetico e, come riteneva Godard, esprime il suo messaggio. E’ una conversazione quella che si instaura tra noi e l’immagine, “Le opere d’arte aprono lunghissimi e mai conclusi dialoghi dell’autore con l’immagine conquistata, ma anche di un testimone, di un sopravvissuto che, attraverso l’artista, attribuisce i suoi sentimenti, le sue passioni, i suoi ricordi e la memoria viva di ciò che è stato, del proprio mito, a un simulacro di pietra o di legno che continua a parlare”. In conclusione Sgarbi intende l’immagine come “immagine-percezione”, “immagine-affezione”, “immagine-pulsione”, “immagine-azione”, “immagine-tempo”, alla stregua di Gilles Deleuze, che, in “L’immagine-tempo”, così scrive: “E’ l’immagine che muove se stessa in se stessa. In questo senso non è dunque né figurativa, né astratta. Si dirà che questo era già vero per tutte le immagini artistiche; Ejzestejn infatti continua a analizzare i quadri di Leonardo da Vinci, del Greco, come fossero immagini cinematografiche (la stessa cosa fa Elie Faure con il Tintoretto)”.


Una recensione di Simonetta De Bartolo



Recensioni ed articoli relativi a Vittorio Sgarbi

(0) Davanti all'immagine di Vittorio Sgarbi - RECENSIONE

Recensioni ed articoli relativi a Simonetta De Bartolo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Simonetta De Bartolo

(1) Bestie di Sandrone Dazieri - RECENSIONE
(2) L' uomo nel quadro di Susan Hill - RECENSIONE
(3) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(4) Il divoratore di anime di Massimiliano Bernardi - RECENSIONE
(5) Le rose si vendicano due volte di Leonard Morava - RECENSIONE
(6) I sassi di Sacha Naspini - RECENSIONE
(7) Seconda B di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(8) Essemmesse di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(9) Malinconico Leprechaun di Patrizio Pacioni - RECENSIONE
(10) Mangiami di AA.VV. - RECENSIONE
>>Continua (click here)



Altre recensioni:







-

dal 2007-03-14
VISITE: 24135


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali