Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [15/07/2024] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus

Le Vendicatrici
Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Rumore dal nulla
di Leonardo Moro


Edizioni il Foglio
pp.53, Euro 7.50

E-mail: ilfoglio@infol.it

Una recensione di Roberta Carbonetti

<< Non puoi comprarlo. Ed io non ho coraggio[…] >>. Moro sembra smentire le sue stesse parole dimostrando, con ogni verso sprezzante, con i suoi << calci contro il vento >>, il coraggio di chi ritrae se stesso
senza modificare i tratti, senza addolcire gli spigoli. Una poesia autentica, un verso crudele, a volte stridente, dotato di un'infallibile capacità di trasmettere stati d'animo. La poesia di Moro arriva a colpire lo stomaco, riesce a produrre rumore, ma chi sa se si tratta davvero di << rumore dal nulla >>. Il rumore delle parole di Moro proviene dall'attrito tra una vita quotidiana deludente e difficile da accettare, e le speranze di un'anima che grida la voglia di realizzare se stessa.
L'attrito crea insofferenza, rifiuto. La vita è una sequenza di giornate, di persone, di abitudini che l'autore si ferma ad osservare << a distanza di sicurezza >>, una distanza che funge da difesa e che non costituisce vero distacco. Sono troppo vibranti, troppo intense le parole di Moro per trasmettere distacco. L'occhio attento e critico dell'autore riesce a cogliere l'assurdo e l'insensato che infondo riempie ogni esistenza, la ciclicità ed il vuoto delle abitudini con cui ci si àncora alla vita, ci si sente parte di un gruppo, si perde, ma si crede di trovare, la propria identità. << La gente non può stare senza sabato pomeriggio. Finisce per morire. >>,l'autore rimane dietro un vetro ad osservare il via vai dell'altrui esistenza, rifiutando di "infilarsi nella propria vita", temendo forse di perdere la capacità di osservare se stesso ed il mondo percependo alterità, temendo forse di confondersi con ciò che critica in modo aspro. Eppure l'aspra critica tradisce amare venature, amaro senso di auto-esclusione da quei riti tribali che annullano la coscienza di sé, ma soffocano la solitudine, stordiscono i sensi. Lontano dalle "pratiche tribali", in fuga dall' "etica del gruppo", libero ma sofferente, Moro si rifugia nella letteratura. << Devo solo prendere una direzione. […] >>, continuamente l'autore si ripete che deve raccogliere le forze per tracciare un percorso, per cominciare ad addentrarsi nelle vie del mondo e sceglierne una, renderla propria, farne il proprio ritratto: per ora l'unica via è la letteratura. La sua letteratura è ricerca, è ammissione, è contestazione, è identificazione, è, essa stessa, vita. L'autenticità del sentire non lascia spazio alla forma, alla struttura, alla costrizione, ma si esprime in modo diretto, caratteristica che rende più nitida la percezione sensibile di quanto l'autore intende trasmettere. Le << urla addomesticate >> sarebbero troppo limate per trasmettere messaggi taglienti. Tra i messaggi taglienti di Moro il lettore si riconosce, s'immerge con emozione sincera tra le righe del vissuto, si riscopre più fedele a se stesso.

© Roberta Carbonetti - Roberta133@virgilio.it


VISITE: 6.260

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali