Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [18/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Verrà l'alba e avrà il suono di una radiosveglia
di Patricia Wolf (2011)


Prefazione


Verrà l'alba e avrà il suono di una radiosveglia

L’autrice, Patricia Wolf, ha dato al lettore una chiave di lettura di questa ricca antologia di racconti. Ha suddiviso i racconti in 4 “zone”, Thrilling, Kicking, Remembering e Joking. E il lettore è indotto a credere che ci sia un’ispirazione diversa per ciascuno dei settori. Ed è così, perché la scrittura di P.W. è variegata, caleidoscopica perché segue una mente vulcanica che non conosce soste. Eppure…vorrei proporre al lettore di rimettere in disordine i vari racconti, toglierli dalle loro “zone” e giocare a rimetterli a posto, a ricostruire il puzzle così come l’autrice lo ha immaginato. Immagino che sarebbe un gioco divertente e intrigante, riuscire a pensare che un racconto sia joking anziché remembering o kicking. Ogni suo racconto contiene almeno due dei connotati di “zona”, ogni pagina ci fa divertire ma può farci sentire un groppo in gola, oppure tenerci sospesi in una tenace suspense che non lascia prevedere quel finale che sempre, in ciascun racconto, ci lascia sorpresi e sospesi, come ad attendere che qualcosa ancora accada. E’ l’arte dell’affabulazione, è il piacere di una scrittura vivace e giocosa anche quando si tratta di affondare nei ricordi o di scoprire le illusioni che vengono disilluse, o quando il gioco diventa troppo duro e può far male.

Apriamo per esempio As Usually, oppure all’inizio, Quando è amore… La prontezza di tiro del titolo, la ripetizione di quel titolo nel racconto come una nenia, come un’ossessione, ed è ossessione, un finale sorprendente in entrambi, una sorpresa che ammutolisce il lettore, il quale non riconosce più per un attimo i propri punti di riferimento e si chiede… da dove vengono questi personaggi? Vengono dal ritmo febbrile di una mente inarrestabile che scava dentro, che osserva, analizza, e poi colpisce… a fondo! La nostra autrice colpisce perché conosce l’essere umano, le relazioni, e ha un’arma imprendibile, la scrittura, con quel ritmo serrato, talvolta sincopato, come una musica, come la musica che ascoltano i suoi personaggi. E non potrebbe essere diversamente, perché la musica e il ritmo è ciò che guida come una cometa elettrica e fosforescente la scrittura di P. W.

Oppure aprite Cinderella… grande trovata finale, suspense ben tenuta in un racconto intimista, fosco, giocato sulla competizione e sull’amore, sulla dedizione e sulla gelosia, il doppio che si sdoppia di continuo a creare caleidoscopiche emozioni raddoppiate, amplificate.

Sdoppiamento, specchio… prendete ora Enchantement…la magia della parola giusta, evocata a rendere giustizia, a compensare gli squilibri di menti esaltate dal culto dell’immagine, a punire chi non sa vedere intorno a sé, ma anche a premiare chi non osa cercare il proprio bene, la giusta dimensione… anche qui situazione a specchio capovolto.

La serie dei Remembering e di Kicking è la “madre” di tutti i racconti dell’antologia. In P.W., lo sappiamo, la memoria muove il suo mondo, la magia del ricordo raccontato con la passione di ora e l’emozione di allora. Il racconto del ricordo genera sorrisi, scherzi, sferzate di ironia e autoironia che alleggeriscono l’accento nostalgico che per forza la memoria genera. Ma non si tratta mai di retorica nostalgia di tempi andati. Solo di emozioni che fanno eco.

Ossessione dell’immagine, ossessione del successo, gioco all’ultimo respiro. Tutto è reso incandescente dalla memoria che procede a balzi, che non sa seguire una linea retta, forse conosce solo curve e tornanti, a volte va senza scalare marcia e ci trascina in un brivido tagliente, qualche volta rallenta per farci guardare bene.

E aprite infine alla pagina di “Verrà l’alba…”. Sta in Joking o Remembering? Veramente potrebbe stare ovunque, con quell’aria di eterno fanciullo il protagonista ci tira vorticosamente nei ricordi delle sue “brutte figure”, episodi che sempre un occhio adulto e borghese, quello che guarda nei binari davanti a sé, ha ridicolizzato, avrebbe voluto… ma lui è così, non ci può fare niente, lui è scanzonato, ironico, sferzante, irriverente, dissacrante. No, non per ideologia, soltanto perché non trova niente da riverire, niente che sia sacro, niente su cui non si possa scherzare.

Neppure noi possiamo farci niente. Lei, Patricia Wolf, è così. Nessuno può farci niente.

Gina Sfera




Leggi gratuitamente online
Anteprima ( 98 )
Compra questo EBOOK su AMAZON.IT

VISITE: 452

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali