Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [22/07/2024] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Sulla stessa barca: l'amore ai tempi del coronavirus scadenza 2024-07-31    Tema “Poesia e ricerca della Pace nel XXI secolo” e tema libero scadenza 2024-07-31    5 edizione Concorso Nzionale scadenza 2024-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
12 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La città sul confine del tempo
di Marco R. Capelli
Pubblicato su PBSE1


Ascolta la versione audio
Ascolta la versione audio di questo testo!
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 8160
Media 79.74%



L’uomo vestito di nero si appoggiò ad un muro che ancora si ostinava a trattenere il calore del giorno trascorso e sollevò il collo della giacca leggera. Un vento freddo e costante soffiava ora dal deserto al mare, trasportando lontano finissime sabbie rosate.
Socchiuse gli occhi scuri e lunghe rughe sottili si disegnarono sul volto bruciato dal sole. Il luogo gli era sconosciuto, eppure, non avrebbe saputo spiegarsi per quale motivo, famigliare.
Non riusciva a ricordare come vi fosse arrivato, ma, in verità, non gli importava.

Lentamente riprese a camminare lungo lo stretto vicolo. Oltre i muri che lo circondavano, fra alti palmizi incurvati dagli anni e padiglioni crollati, dormivano i resti di antichi giardini. In singolare contrasto le case di pietra gialla, con le loro finestre ad arco moresco ed i tetti piatti, sembravano essere state risparmiate dal tempo, ma nessun bambino giocava sotto i solitari androni e solo il vento muoveva le loro porte scolpite. Ovunque, l’unico rumore era quello del vento che sussurrava attraversando le finestre spalancate e scuoteva le larghe foglie dei datteri.
Non una voce d’uomo, non un pianto di fanciullo, né un sospiro d’innamorati.
Solo quel suono doloroso, un odore secco e penetrante di polvere e mare ed il ritmico battere dei suoi passi sui ciottoli.

Motivi geometrici ripetuti all’infinito lo circondavano, rincorrendosi sulle facciate, incorniciando volti e portoni, sottolineando le ardite geometrie di torri e minareti crollati. Sempre uguali e sempre sottilmente diversi, gli affreschi sbiaditi catturavano lo sguardo dell’uomo. Pensieri alieni ed indefiniti gli danzavano dolcemente nella mente, fondendosi gli uni agli altri in morbide volute di puro colore. Improvvisamente, con un’ultima secca svolta il vicolo finì e con esso la lunga teoria di dipinti. Un'alta torre sbarrava ora la strada e sotto di essa si apriva un volto attraverso il quale filtrava un raggio di sole. All’uomo vestito di nero sembrò di risvegliarsi da qualcosa di simile ad un lungo sogno.

Rialzò la testa, chinata per attraversare l’angusto passaggio, e si trovò in una piccola piazza semicircolare, dilatato incrocio di viuzze strette e deserte su cui si affacciavano alte case dal tetto piatto e piccole finestre oscure ed allungate. Nel centro approssimativo di quello spazio angusto stava un abbeveratoio grezzamente scolpito in un unico blocco di pietra grigiastra. Alla vasca era avvinghiato un mostruoso essere di marmo dalla cui bocca spalancata stillava, goccia a goccia, limpida acqua di fonte. L’essere, i cui lineamenti levigati dai secoli dovevano essere stati un tempo quelli di un angelo o di un demone, era stato scolpito dal suo dimenticato creatore nell’atto di compiere un titanico sforzo. L’uomo vestito di nero osservò i muscoli spaventosamente tesi ed i tendini delle spalle e del collo eternamente sul punto di spezzarsi, ma non riuscì a capire se la strana creatura stesse cercando di fare a pezzi la pietra cui si afferrava o piuttosto di svellerla dalla sua pesante base per gettarla lontano.
Si sedette sul bordo della fontana. Qui, restò per lungo tempo in silenzio ad ascoltare il pigro gorgogliare dell’acqua. Poi allungò la mano verso il solco nero che quell’eterno fluire aveva scavato nella viva pietra. Fu con dolore che si ritrasse da quel tocco gelido.

Un suono, simile ad un lieve sospiro, lo carezzò dolcemente. L’uomo si volse per vedere da dove provenisse e s’accorse, senza stupore, di non essere più solo. Dall’alto dei cornicioni istoriati lo fissavano, con poveri occhi corrosi dal tempo, lunghe teorie di statue bianche. Una grande pietà lo colse allora per quegli strani guardiani, immobili, costretti a contemplare con orbite vuote le vie silenziose, i poveri bazar polverosi, l’eterno, inutile, ripetersi di giorni e stagioni. Fino al momento in cui sarebbero diventati anch’essi polvere nella polvere.

Guardò verso il cielo, limpido azzurro che già, ad Oriente, cedeva alle tenebre.
Non un uccello, non una nuvola.
Di fronte a lui i riflessi sanguigni del sole ormai basso disegnavano contro il cielo la sagoma, altissima e lontana, di un minareto.

Si alzò di scatto e riprese a camminare, sempre più velocemente, poi a correre, attraversando le corti abbandonate, perdendosi fra le rovine ed i giardini.
Sapeva di dover arrivare prima che il giorno morisse.

L’uomo vestito di nero ansimava quando raggiunse la porta divelta della sottile torre, ed il cielo era sempre più scuro.
Le scale all’interno salivano senza che se ne potesse vedere la fine, avvitandosi nel vuoto verso il cielo lontano. Gli scalini di legno odoravano di antichi ricordi e l’eco di voci perdute sibilava tra le tavole sconnesse. Più forte ad ogni passo lo poteva udire, così che gli pareva talvolta di distinguere parole, parole antiche, d’amore e di morte. E poi grida, grida altissime, che più saliva e più si facevano cupe e rabbiose e lo assalivano da ogni direzione, facendolo vacillare e spingendolo verso il vuoto. Ma l’uomo vestito di nero continuò a salire. Passo dopo passo, stringendo gli occhi e strisciando contro la ruvida roccia, chinando il capo ed incespicando sulle tavole sconnesse. Continuò a salire, sempre più in alto. Fino a che tutto non fu solo un boato assordante.

Quando si appoggiò al basso muro sbrecciato che cingeva la sommità della torre, il respiro stentava ad uscire ed il suo magro corpo sudato tremava violentemente, scosso dal freddo vento del deserto.

Sotto di lui si stendeva la città, enorme ed immobile. Tutte le case di pietra gialla, i riflessi rossi della sera e le ombre nere che si allungavano lentamente.
Ad Oriente, là dove cominciava la notte, l’Oceano infinito, oscuro e schiumoso, si andava ricoprendo di nebbie dense e misteriose. Ad Occidente vide le mura crollate e già ricoperte dalle sabbie sottili. Più oltre il deserto, distesa ferma e screziata di lucide ombre, sfumava attraverso infiniti colori dal rosa al rosso di sangue dell’orizzonte, là dove il giorno moriva sotto un cielo cremisi.

Fino a dove poteva spingere lo sguardo, non un segno di vita. Non un fumo lontano, non un cormorano affamato, non un falco appostato in agguato, solo quel cielo infuocato ed il mare tenebroso, solo l’immenso deserto.
Non gli riusciva neppure di respirare davanti a tutto quel nulla, ma sapeva, ora sapeva, che nulla di ciò che aveva davanti era reale.

L’uomo vestito di nero si guardò le mani, belle mani, forti di nervi e tendini guizzanti sotto la pelle scura, e quasi non riuscì a credere di essere soltanto un sogno, il piccolo sogno di un piccolo uomo addormentato, destinato a svanire con la prima luce dell’alba.

Tuttavia la cosa parve divertirlo, si raddrizzò ignorando il soffio gelido e sibilante del vento, guardò ancora una volta la linea dorata dell’Orizzonte ed un breve sorriso si disegnò sul volto duro, per un istante. O forse, fu solo un’ultima ombra scolpita dal sole morente.

Poi venne la notte.

© Marco R. Capelli





Recensioni ed articoli relativi a Marco R. Capelli

(0) Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad.di Marco R. Capelli - TRADUZIONE
(1) Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad.di Marco R. Capelli - TRADUZIONE
(2) Barman Adgur di Fazil Iskander trad.di Aldona Palys - TRADUZIONE
(3) Il Gigante di Marco Roberto Capelli - Il Parere di PB
(4) Nuova scuola filosofica di Tadeusz Rozewicz trad.di Aldona Palys - TRADUZIONE
(5) Mi mancano i plugin di Emanuele Serra - RECENSIONE
(6) La fantascienza italiana ad una svolta a cura di Fabio Calabrese - ARTICOLO
(7) Arthur Machen (1863-1947): Un’idea del male a cura di Fabrizio Ulivieri - ARTICOLO
(8) N.O.I.R. - Quindici passi nel buio di A.A.V.V. a cura di Andrea Franco - RECENSIONE
(9) Il distributore di volantini di Maurizio Cometto - RECENSIONE

Testi di Marco R. Capelli pubblicati su Progetto Babele

(1) Carmilla a cura di Marco R. Capelli - ARTICOLO
(2) Varney a working class vampyre a cura di Marco R. Capelli - ARTICOLO
(3) I mille volti di Dracula a cura di Marco R. Capelli - ARTICOLO
(4) Montague Summers - vampirologo(1880-1948) a cura di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(5) Romanzieri.com di Marco R. Capelli - RECENSIONE
(6) What We Do in the Shadow di Taika Waititi e Jemaine Clement - RECENSIONE CINEMA
(7) Storie di Vampiri di A cura di Sebastiano Fusco e Gianni Pilo - RECENSIONE
(8) Stoker; Bram1847-1912 a cura di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA
(9) Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad.di Marco R. Capelli - TRADUZIONE
(10) Fazil Iskander(1929-2016) a cura di Marco R. Capelli - BIOGRAFIA

Libri di pubblicati nella collana I libri di PB

Copertina
Scheda Libro
Compralo ora!
Copertina
Prefazione / Indice / Scheda
Dodici racconti orfani
di Marco R. Capelli
2021
pg. 165 - (12.85xx19.84) BROSSURATO
Prezzo Amazon 5.99 euro

Agitare con prudenza.

Altre informazioni / L'autore

Compra questo EBOOK su AMAZON.IT
Compra questo libro su AMAZON.IT
Mod.Ordini
Compra

Anteprima ( 310)

Acquista una copia

 



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB




-

dal 2001-01-01
VISITE: 30.997


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali