Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Pagina ufficiale Facebook Pagina ufficiale Youtube Pagina ufficiale Instagram Pagina ufficiale Linkedin Gruppo Telegram Whatsapp Community
TeleScrivente:    Progetto Babele: Collaboratori cercasi! (21/05/2024)    Gordiano Lupi recensisce: Per difendersi dagli scorpioni di Fernando Sorrentino (29/09/2023)    31 amici per un progetto corale (17/09/2023)    [23/06/2024] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Eridanos” scadenza 2024-06-23    Il Premio Città di Como scadenza 2024-06-30    Seven Live 2024 scadenza 2024-06-30    V EDIZIONE PREMIO LETTERARIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    V ED. PREMIO TERESA COGNETTA scadenza 2024-07-03    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Comfort Festival - Ferrara diventa americana (EVENTO 2024-07-07)     ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2024 - danza_teatro_musica_site specific_nella natura urbana (SPETTACOLO_TEATRALE 2024-06-29)    AUDIOLIBRI     I decapitati di Francesco Ciriòlo letto da Alessandro Corsi     Il profumo dell'estate di Cinzia Baldini letto da Alessandro Corsi     Capitolo 6 - La perla di Labuan di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 5 - Fuga e Delirio di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Capitolo 4 - Tigri e leopardi di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Billy Summer di Stephen King    Il nome di Abel di Andrea Meli     Praga poesia che scompare di Milan Kundera     Gli ultimi eroi di Guido Morselli     Poscienza di Roberto Maggiani    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Uno sguardo all’Open studio presso la Casa degli Artisti di Milano di Cecilia Del Gatto Di Riccardo Renzi     Vampiri: una storia senza fine     I memorialisti e gli storici del Romanticismo italiano     Carmilla     John Polidori & George Gordon Byron - Biografie allo specchio    Racconti     Mia moglie ti dirà che è tutta colpa della pandemia di Giuseppe Crispino     La luna blu di Alessandro Abate     I decapitati di Francesco Ciriòlo     Sara y la Facultad di Jorge edgardo López     L'intervista di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Shakespeare, William (1564-1616)     Le Fanu, Joseph Sheridan (1814-1873)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     In punta di piedi di Paola Ceccotti     Lux di Alessio Romanini     Respiro di Valeria Vecchi     Stanno le cose di Teodoro De Cesare     Madre di Davide Stocovaz    Cinema     Dracula di Bram Stoker (USA 1992) regia di Francis Ford Coppola     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana    Musica    I Inside The Old Year Dying (2023) - PJ Harvey    La moglie in bianco … la Compilation al pepe (2023) - Diego Pavesi     RökFlöte (2023) - Jethro Tull    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
15 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
18novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il vestito di velluto di Silvina Ocampo
traduzione di Diana Facile
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 23337
Media 79.74%



Sudando, asciugandoci la fronte coi fazzoletti inumiditi nella fontana della Recoleta, arrivammo in quella casa con giardino di via Ayacucho. Che ridere!
Salimmo in ascensore fino al quarto piano. Io ero di malumore perché non volevo uscire visto che il mio vestito era sporco e pensavo di dedicare la serata a lavare e stirare il copriletto del mio lettino. Suonammo il campanello: ci aprirono la porta ed entrammo in casa, Casilda e io, col pacchetto. Casilda fa la sarta. Viviamo a Burzaco e i nostri viaggi nella capitale la debilitano, soprattutto quando dobbiamo andare nel quartiere nord, che è fuori mano. Casilda chiese subito un bicchiere d’acqua alla domestica per prendere l’aspirina che aveva nel borsellino. L’aspirina cadde a terra con il bicchiere e il borsellino. Che ridere!
Salimmo una scala ricoperta di moquette (odorava di naftalina) precedute dalla domestica, che ci fece passare nella camera da letto della signora Cornelia Catalpina, il cui nome era un martirio per la mia memoria. La stanza era tutta rossa, con tendaggi bianchi e specchi dalle cornici dorate. Attendemmo un secolo prima che la signora arrivasse dalla stanza accanto, dove la sentivamo discutere con varie persone da cui si congedò bruscamente. Entrò il suo profumo e dopo qualche istante arrivò lei con un altro profumo. Lamentandosi, ci salutò:
- Che fortuna avete a vivere nei dintorni di Buenos Aires! Li quanto meno non c’è fuliggine. Ci saranno cani rabbiosi e spazzatura bruciata…Guardate il mio copriletto. Credete sia grigio? No. È bianco. Un fiocco di neve – mi prese per il mento e aggiunse – Non ti preoccupano queste cose. Che età felice! Hai otto anni, giusto? – e rivolgendosi a Casilda, aggiunse - Perché non le mette una pietra sulla testa affinché non cresca? Dall’età dei nostri figli dipende la nostra giovinezza.
Tutti credevano che la mia amica Casilda fosse la mia mamma. Che ridere!
- Signora, vuole provarselo? - disse Casilda, aprendo il pacchetto che era fissato con degli spilli. Mi ordinò: prendi gli spilli dalla mia borsa.
- Provarmelo! È la mia tortura! Come sarei felice se qualcuno si provasse i vestiti al posto mio! Mi stanca tanto.
La signora si svestì e Casilda cercò di metterle il vestito di velluto.
- A quando il viaggio, signora? – le disse per distrarla.
La signora non poteva rispondere. Il vestito non passava dalle spalle: qualcosa lo bloccava sul collo. Che ridere!
- Il velluto si attacca molto, signora, e oggi fa caldo. Mettiamo un pochino di borotalco.
- Me lo porti che soffoco – esclamò la signora.
Casilda le tolse il vestito e la signora si lasciò cadere sulla poltrona. Era sul punto di svenire.
- Quando sarà il viaggio, signora? – tornò a domandare Casilda per distrarla.
- Partirò quando ne avrò voglia. Al giorno d’oggi, con gli aerei, uno si sposta quando vuole. Il vestito dovrà essere pronto. E pensare che lì nevica. Tutto è bianco, pulito e splendente.
- Va a Parigi, no?
- Andrò anche in Italia.
- Torna a provarsi il vestito, signora? Finiamo subito.
La signora annuì tirando un sospiro.
- Alzi le braccia per far passare prima le due maniche – disse Casilda, prendendo il vestito e mettendoglielo di nuovo.
Per alcuni secondi Casilda cercò inutilmente di abbassare la gonna, affinché scivolasse sui fianchi della signora. Io la aiutavo come meglio potevo. Finalmente riuscì a metterle il vestito. Per alcuni istanti la signora riposò stremata sulla poltrona; poi si alzò per guardarsi allo specchio. Il vestito era bello ed elaborato. Un drago decorato di strass neri brillava sul lato sinistro del corpino. Casilda si inginocchiò, guardandola allo specchio, e le finì l’orlo della gonna. Poi si alzò e iniziò a sistemare gli spilli nelle pieghe del corpino, nel collo, nelle maniche. Io toccavo il velluto: era ruvido quando passavo la mano da un lato e morbido quando la passavo dall’altro. Il contatto col tessuto mi faceva stridere i denti. Gli spilli cadevano sul pavimento di legno e io li raccoglievo religiosamente uno ad uno. Che ridere!
- Che vestito! Credo che non ci sia un modello così bello in tutta Buenos Aires – disse Casilda, lasciando cadere uno spillo che teneva tra i denti –Le piace, signora?
- Moltissimo. Il velluto è il tessuto che preferisco. I tessuti sono come i fiori: uno ha le sue preferenze. Io paragono il velluto alle tuberose.
- Le piace la tubarosa? È talmente triste – protestò Casilda.
- La tubarosa è il mio fiore preferito, e tuttavia mi fa male. Quando inspiro il suo profumo mi rovino. Il velluto mi fa stridere i denti, mi fa venire la pelle d’oca come mi facevano venire la pelle d’oca i guanti di canapa durante l’infanzia e, tuttavia, per me non c’è al mondo altro tessuto paragonabile. Sentirne la morbidezza tra le mie mani mi affascina, sebbene a volte mi ripugni. Non c’è donna vestita meglio di quella che indossa del velluto nero! Non le manca né un colletto ricamato né una collana di perle; tutto sarebbe un di più. Il velluto basta a se stesso. È sfarzoso ed è sobrio.
Quando smise di parlare, la signora respirava a fatica. Anche il drago. Casilda prese un giornale che era sopra un tavolo e la sventagliò, ma la signora la fermò chiedendole di non farle aria perché l’aria le faceva male. Che ridere!
Dalla strada udì le grida dei venditori ambulanti. Cosa vendevano? Frutta, gelati, forse? Il sibilo dell’arrotino e lo scampanellio del gelataio attraversavano anche la strada. Non corsi alla finestra per curiosare, come altre volte. Non mi stancavo di contemplare le prove di quel vestito con un drago di strass. La signora si rialzò e si fermò nuovamente davanti allo specchio barcollando. Anche il drago di strass barcollò. Il vestito era ormai quasi privo di difetti, solo un impercettibile piega sotto le due braccia. Casilda recuperò gli spilli per puntarli pericolosamente in quelle sgualciture in eccesso di tipo sovrannaturale.
- Quando sarai grande – mi disse la signora – ti piacerebbe indossare un vestito di velluto, o sbaglio?
- Si – risposi, e sentii che il velluto di quel vestito mi strangolava il collo con mani inguantate. Che ridere!
- Ora mi toglierò il vestito – disse la signora.
Casilda la aiutò a levarselo, impugnando l’orlo della gonna con entrambe le mani. Lottò inutilmente per alcuni secondi, poi le risistemò il vestito.
- Dovrò dormire con lui – disse la signora, di fronte allo specchio, guardandosi il viso pallido e il drago che sussultava in sintonia coi battiti del suo cuore -. È meraviglioso il velluto, però pesa – si portò la mano alla fronte -. È una prigione. Come uscirne? Si dovrebbero fare vestiti di tele incorporee come l’aria, la luce o l’acqua.
- Le avevo consigliato la seta naturale – protestò Casilda.
La signora cadde al suolo e il drago si contorse. Casilda si chinò sul suo corpo fino a quando il drago restò immobile. Accarezzai di nuovo il velluto che sembrava un animale. Casilda disse malinconicamente:
- È morto. Mi è costato tanto fare questo vestito! Mi è costato tanto, tanto!
Che ridere!

Racconto tratto dalla raccolta "La furia" di Silvina Ocampo (1906-1994), narratrice e poetessa argentina del XX secolo, moglie dello scrittore Adolfo Bioy Casares e amica di Jorge Luis Borges con cui ha pubblicato Antología de la Literatura Fantástica, edita in italiano da Mondatori. Attraverso un uso elegante del linguaggio, l'autrice irrompe nel quotidiano e lo destruttura con una sottile ironia, collocando i suoi racconti nel territorio del fantastico.

© velluto di Silvina Ocampo
Traduzione a cura di Diana Facile







Recensioni ed articoli relativi a velluto di Silvina Ocampo

(0) Il vestito di velluto di Silvina Ocampo trad.di Diana Facile - TRADUZIONE

Recensioni ed articoli relativi a Diana Facile

Nessun record trovato

Testi di Diana Facile pubblicati su Progetto Babele

(1) I richiami del Vodù di Diana Facile - RACCONTO
(2) Walsh, Rodolfo (1927-1977) a cura di Diana Facile - BIOGRAFIA
(3) Quella donna di Rodolfo Walsh trad.di Diana Facile - TRADUZIONE
(4) La vita degli altri di Diana Facile - RACCONTO
(5) Il concorso di Diana Facile - RACCONTO
(6) Il vestito di velluto di Silvina Ocampo trad.di Diana Facile - TRADUZIONE


>>ARCHIVIO TRADUZIONI

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB





-

dal 2010-07-27
VISITE: 42.859


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2016 - Privacy & Trattamento dati personali