Progetto Babele FUMETTI
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [16/08/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
8 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Storia della Marvel in Italia
Sesta parte
a cura di Marco Rufoloni


Siamo arrivati al 1975 nella nostra rivisitazione della presenza delle serie Marvel in Italia. Il 1975 vide la nascita di due nuove testate ("Hulk e i Difensori" e "Conan e Ka-Zar") a sostituire quelle chiuse di Devil e degli A.S.E. La presenza Marvel-Corno in edicola rimase dunque costante, ma la forte svalutazione (che rimase tra il 15 ed il 20% fino alla fine degli anni '70) costrinse la casa milanese ad aumentare il prezzo a 300 Lire: da questo momento in poi il prezzo salì con cadenza praticamente annuale, causando una lenta ed inesorabile emorragia di lettori. Ma questo sarà argomento delle prossime puntate, ora puntiamo come al solito l'attenzione alle varie testate.

L'Uomo Ragno, con l'arrivo di Iron Man come comprimario, ebbe una struttura stabile per tutto l'anno, a parte il n.129 (con il termine, provvisorio, delle storie di Morbius) ed il n.130 (con la conclusione dell'avventura di Devil rimasta in sospeso con la chiusura della sua testata). La qualità della pubblicazione rimase su un livello medio: L'Uomo Ragno fu disegnato da un dignitoso Ross Andru (mentre le storie di Marvel Team-Up rimasero affidate alle valenti mani di Gil Kane), arrivando a presentare eventi epici come la morte di Gwendy Stacy (allora fidanzata di Peter Parker) e del Goblin originale, che anticiparono il successo del "filone morte e distruzione" di Claremontiana memoria (nn.133-134). Da ricordare poi l'esordio del Punitore su UR n.149. D'altra parte quella del Vendicatore d'Oro continua ad essere una serie di media qualità, realizzata da quel buon artigiano della matita che era George Tuska; fanno eccezione gli episodi sui nn.144-145 realizzata da un Jim Starlin che allora era agli inizi, ma già dimostrava la stoffa del vero genio.

La collana dedicata ai Fantastici Quattro, orfana di Kirby fin dal n.101, prosegue con ottimi artisti quali John Romita prima (solo per pochi numeri) e John Buscema dopo: il cambio di disegnatore influì poco nella qualità delle storie grazie anche all'apporto costante di un genio della china qual'è Joe Sinnot. Da ricordare la magistrale battaglia tra l'eroico quartetto e l'Iniziato nei nn.111-114, conclusa con l'insolita alleanza tra i nostri eroi ed il Dottor Destino. Tra i personaggi di contorno continuano le epopee di Capitan Marvel (con le splendide storie di Starlin spezzate purtroppo in due o tre numeri) e di Namor, del quale va ricordato l'apporto in sede grafica di Bill Everett, un artista ora scomparso ma a mio avviso tra i migliori di tutti i tempi (tra l'altro fu uno dei creatori di Namor nel lontano 1939). E' proprio nella prima storia da lui disegnata che fece la sua prima apparizione la giovane Namorita (F.Q. n.112) che ora è divenuta una delle colonne portanti del gruppo dei New Warriors (ogni mese su Silver Surfer & Iron Man).

"Il mitico Thor" o, come il nuovo logo della testata recitava "Thor e i Vendicatori" fu durante il 1975 una testata di media qualità. Le avventure del dio del tuono furono realizzate da un John Buscema un pochino appannato, oberato com'era dai numerosi incarichi di quel periodo. Molto spesso "Big John" abbozzava appena le matite, lasciando all'inchiostratore di turno o ad un co-disegnatore (di solito molto meno valente: è il caso di Don Perlin in Thor nn.120-124) il compito di rifinire il disegno. Non ricordo in questo periodo storie del tonante di particolare rilievo. Altra musica per i Vendicatori che, almeno fino al n.117 rimasero di alta qualità: veramente epico e degno di nota il confronto tra i Kree e gli Skrull, realizzato magnificamente da un Neal Adams nel pieno della forma (Thor nn.107-111) e due albi disegnati in maniera altrettanto magnifica da Barry Windsor Smith (Thor nn.112-113). Purtroppo i fascicoli successivi segnarono un progressivo peggioramento in trame e disegni fino a toccare il fondo (di nuovo!) col solito legnoso Don Heck ai disegni ed ai testi (manco a dirlo!) Steve Englehart. In appendice, come anche gli altri albi di quel periodo numerose caricature tratte da "Not Brand Echh" ed i soliti raccontini dell'orrore tratti da albi pre-Marvel.

Per quanto riguarda la testata di Capitan America direi che durante il 1975 si potrebbe dividerla in tre periodi. Il primo (dal n.51 al n.55) vide la presenza degli X-Men ridotta al lumicino e l'albo quasi completamente dedicato alle storie del Capitano Stelle e Strisce (realizzate fra l'altro da un brillante John Romita). Dal n. 56 fino al n.70 tornano gli X-Men con un episodio completo per albo (tra l'altro l'apporto grafico di Neal Adams fece si che la serie salisse molto sulla scala della qualità), mentre Cap viene affidato nelle mani di un sorprendente Sal Buscema: da ricordare il cambio di costume di Falcon nel n.56 (aveva esordito in Capitan America n.33) e la saga del falso Capitan America nei nn.65-68 (con l'esordio di Jack Monroe, l'attuale Nomad). Il terzo ed ultimo periodo va dal n.71 al n.76 con Cap realizzato sempre da Sal Buscema e con le storie della Bestia (il serial degli X-Men, dopo il n.66 originale, pubblicò solamente ristampe fino al n.93): queste ultime non furono certo gran cosa, ma certamente furono importanti dal punto di vista della continuity (curioso il fatto che la Bestia, nei primi 4 episodi, avesse il pelo grigio, e solo in seguito, acquisisse la classica pelliccia blu).

E veniamo alla prima delle tre nuove testate di questo 1975: Conan e Ka-Zar. I primi albi si presentarono con la formula Conan/Ka-Zar/Shanna, seguendo le indicazioni emerse dal referendum tenuto sulla defunta testata degli A.S.E. Nonostante però la buona qualità della serie di Conan, ora disegnata da John Buscema (bravo, ma non all'altezza di Barry Smith), Secchi si trovò ben presto a fare i conti con la chiusura della serie Americana di Shanna, e la dovette sostituire, a partire dal n.10, con Thongor (un altro barbaro, creato da Lin Carter, uno dei seguaci di Robert E. Howard, e sceneggiato da gente valida come George Alec Effinger, ora affermato scrittore di fantascienza, e Gardner Fox): anche la sua serie ebbe però vita breve, e terminò con Conan e Ka-Zar n.22. Lo stesso Signore della Terra Selvaggia vide chiusa la propria serie e terminò la sua corsa nel n.15: fu sostituito da Kull, l'altro barbaro di Howard che aveva già fatto il suo esordio sulle pagine di Thor. Dal n.16 in poi quindi questa testata divenne praticamente monografica, presentando contemporaneamente le serie di tre eroi barbari, e perse quel tocco di super-eroistico che attraeva i ragazzini di allora imboccando la strada che la portò alla chisura col n.44, uscito nel 1976. Fu dunque, secondo me, una testata che precorse i tempi.

L'altro nuovo quattordicinale uscito nel 1975 fu quello dedicato a Hulk e i Difensori. A fronte di una grande scorta di materiale del gigante verde, Secchi si trovò subito di fronte a due serial, quello del Dottor Strange e quello dei Difensori, talmente a ridosso delle edizioni americane da non poter sopportare un ritmo di pubblicazione appunto quattordicinale. La soluzione adottata fu quindi quella di alternare le due serie. La qualità generale dell'albo fu a mio giudizio comunque quantomeno discreta: le storie del gigante verde, realizzate da un Herb Trimpe che sembrava nato proprio per disegnarle, toccarono il proprio apice con una storia breve ("Il cielo è una cosa molto piccola", su Hulk e i Difensori n.24), che all'epoca mi colpì moltissimo. Il Dottor Strange fu presente con storie molto belle ma anche difficili ed indigeste al gran pubblico di ragazzini dell'epoca. E che dire dei Difensori? A rileggerle ora certamente quelle storie non erano davvero il massimo, ma ai miei occhi di quattordicenne apparvero come dei capolavori: peccato che non fossero presenti in tutti gli albi.

Uno dei sottogeneri che ebbero grande successo negli anni '70 fu quello delle arti marziali orientali: era normale che la Marvel (e quindi la Corno) sfruttassero quel filone. Approdò quindi in edicola un nuovo mensile (della stessa linea del Corriere della Paura, in formato gigante ed in b/n) dedicato a Shang-Chi, il maestro del Kung-Fu. I primi 12 albi pubblicarono ottime storie del figlio di Fu-Manchu (alcune realizzate dal grande Paul Gulacy) e presentarono in appendice le storie dei "Figli della Tigre", un serial disegnato da un artista ancora in erba ma che si sarebbe fatto strada: George Perez! A completare l'albo una serie di articoli sulle arti marziali: un'ottima testata, dunque.

Probabilmente questo fu il periodo di massima espansione della Corno super-eroistica, che con sei quattordicinali e due mensili dominava il mercato: purtroppo le cose erano destinate a non durare.

A cura di Marco Rufoloni
marco.rufoloni@casaccia.enea.it

<<QUINTA PARTE

>>Progetto Babele Speciale Fumetti

VISITE: 4096
dal 30/04/07

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali